Incipit

VACANZE DI NATALE

VACANZE DI NATALE

W. S. Maugham

Siccome Charley Mason aveva da viaggiare tutto il giorno, sua madre insisteva perché facesse una buona colazione: ma egli era troppo eccitato e non poteva mangiare. Era la vigilia di Natale, e stava per andare a Parigi. Suo padre non aveva bisogno di ...

COSA SOGNANO I PESCI ROSSI

COSA SOGNANO I PESCI ROSSI

M. Venturino

Mi chiamo Pierluigi Tunesi, ho quarantacinque anni e sono un dirigente d’azienda. Per la precisione sono amministratore delegato di un’importante azienda multinazionale di apparecchiature elettroniche. O meglio, ero Pierluigi Tunesi, avevo ...

LA DONNA CHE SBATTEVA NELLE PORTE

LA DONNA CHE SBATTEVA NELLE PORTE

R. Doyle

Me lo disse un poliziotto che venne a bussare alla porta. Non era uno dei soliti, uno di quelli che avevo già visto altre volte. Era solo un ragazzo, magro e con un sacco di brufoletti rossi sul collo. «La signora Spencer?» Poteva avere al massimo ...

IL PADRE E LO STRANIERO

IL PADRE E LO STRANIERO

G. De Cataldo

Diego fumava una sigaretta dopo l’altra in attesa di riprendersi il bambino. Mancavano dieci minuti alla fine della seduta. Tirava un fresco venticello autunnale, e, al centro dello spiazzo sterrato che separava il reparto dei convulsivi da quello dei ...

SPLENDORE

SPLENDORE

M. Mazzantini

Era il figlio del portiere. Suo padre aveva le chiavi di casa nostra, quando partivamo innaffiava le piante di mia madre. Per un periodo ci furono due nastri azzurri sullo stesso portone, il suo più scolorito del mio perché era più vecchio di qualche ...

IL CANTO DELLE BALENE

IL CANTO DELLE BALENE

F. Camon

Questa è la storia di come ho tradito mia moglie e non ne sono affatto pentito. Se lo merita. Non perché anche lei mi tradisca: so bene che non mi tradirà mai. Però fa qualcosa di peggio, qualcosa che risulta a me assolutamente intollerabile: appena ...

LA STRADA

LA STRADA

C. McCarthy

Quando si svegliava in mezzo ai boschi nel buio e nel freddo della notte allungava la mano per toccare il bambino che gli dormiva accanto. Notti più buie del buio e giorni uno più grigio di quello appena passato. Come l’inizio di un freddo glaucoma ...

CONFESSIONE

A. Balckwood

La nebbia gli turbinava lenta attorno, come spinta dal proprio peso, perché, naturalmente, non c’era vento. Ondeggiava in cerchi e in intrichi velenosi, si alzava e si abbassava; non si vedevano né le luci dei lampioni né quelle delle macchine, ...

I DONI DELLA VITA

I DONI DELLA VITA

I. Némirovsky

Erano insieme: erano felici. I familiari, che non li perdevano mai di vista, si erano piazzati fra loro e li tenevano separati con dolcezza implacabile, ma il ragazzo e la ragazza sapevano di essere vicini e il resto non contava. Era una sera di autunno ...

MIO PICCOLO MIO

MIO PICCOLO MIO

A. Lindgren

Qualcuno di voi ha forse ascoltato la radio, il 15 ottobre dell’anno scorso? E ha sentito che si cercava un ragazzo scomparso? Dicevano circa così: «La polizia di Stoccolma ricerca Bo Vilhelm Olsson, di nove anni, scomparso dalla sua abitazione, in ...

IL PICCOLO PRINCIPE

IL PICCOLO PRINCIPE

A. de Saint-Exupéry

Una volta, quando avevo sei anni, in un libro sulla foresta vergine intitolato Storie vissute ho visto un’illustrazione bellissima. Raffigurava un serpente boa che divorava una belva. Questa è una riproduzione del disegno. (Traduzione: Yasmina ...

LA SCOTENNATRICE

LA SCOTENNATRICE

E. Salgari

- Allo!... - Che cosa c’è, John? - Non senti alcun odore, tu, Harry? - Mah! Non mi pare. - E tu, Giorgio? - Uhm!... - Siete dunque senza naso? - Può darsi, John – rispose il giovane che si chiamava Harry. - Non lo crederò mai, amico. Sono ...

SHALIMAR IL CLOWN

SHALIMAR IL CLOWN

S. Rushdie

A ventiquattro anni la figlia dell’ambasciatore dormiva male, in quelle notti calde e senza sorprese. Si svegliava spesso, e anche quando il sonno arrivava, di rado il suo corpo era tranquillo, e continuava invece a scuotersi e agitarsi come se volesse ...

ROBINSON CRUSOE

ROBINSON CRUSOE

D. Defoe

Sono nato nell’anno 1632, nella città di York, da una buona famiglia, ma non del paese; mio padre era uno straniero di Brema che si era stabilito in un primo tempo a Hull. Si fece una buona posizione con il commercio, poi, ritiratosi dagli affari, ...

STORIA DI IRENE

STORIA DI IRENE

E. De Luca

Irene ha gli occhi tondi dei pesci, degli uccelli, dei mammiferi. Neanche nel sorriso accennano alla piega obliqua. È orfana, ha quattordici anni e presto partorisce. Vive in una stanza che era di stalla per l’asino e ora è per lei.

CACAO

CACAO

J. Amado

Le nuvole riempirono il cielo fino a che cominciò a cadere una pioggia pesante. Neanche una briciola di azzurro. Il vento scuoteva gli alberi e gli uomini seminudi rabbrividivano. Gocce d’acqua cadevano dalle foglie e scivolavano sugli uomini. Solo i ...

DUNE

DUNE

F. Herbert

Nella settimana prima della partenza per Arrakis, quando era giunto a livelli quasi insopportabili il tramenio, una donna vecchia e vizza si presentò alla madre del ragazzo, Paul. Era una notte calda e soffocante a Castel Caladan, e l’antico mucchio ...

IL FIGLIO DEL DIO DEL TUONO

IL FIGLIO DEL DIO DEL TUONO

A. Paasilinna

Il cielo dei Finnici è un immenso coperchio trapunto di stelle, posato sul perno del mondo, con la stella polare allo zenit. Là regnano i loro dèi e gli spiriti, là abitano i Finnici buoni morti da tempo. Il potere supremo è esercitato da Ukko ...

MIDDLESEX

MIDDLESEX

J. Eugenides

Sono nato due volte: bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente, la seconda, nell’agosto del 1974, al pronto soccorso di Petoskey, nel Michigan. (Traduzione: Katia Bagnoli)

IL CUORE RIVELATORE

E. A. Poe

Sul serio! Io sono nervoso, molto nervoso, e lo sono sempre stato. Ma perché pretendete che io sia pazzo? La malattia – è vero – ha resi più penetranti i miei sensi, ma non li ha logorati, non li ha distrutti! Io avevo, finissimo, il senso ...

Loading...

End of content

No more pages to load