Incipit

WALDEN

WALDEN

H. D. Thoreau

Quando scrissi le pagine seguenti – o piuttosto gran parte di esse – vivevo da solo nei boschi, a un miglio di distanza da qualsiasi vicino, in una casa che mi ero costruito da solo, sulla riva del Lago di Walden, a Concord, nel Massachusetts, e mi ...

DUE PINTE DI BIRRA

DUE PINTE DI BIRRA

R. Doyle

«Che bei giorni sono stati.» «Bellissimi.» «Lei è stupenda. Per la sua età, dico.» «Impressionante. Che energia, cazzo.» «E Barack? Deve aver baciato tutti i bambini di Offaly, cazzo, dal primo all’ultimo.» «E hai visto come si è ...

ORLANDO

V. Woolf

Egli – poiché dubbio non v’era sul suo sesso, per quanto la foggia di quei tempi alquanto lo dissimulasse – stava prendendo a piattonate la testa di un moro, che dondolava appesa alle travi del soffitto. Aveva essa la tinta d’una vecchia palla ...

EMMA

EMMA

J. Austen

Emma Woodhouse, bella, intelligente e ricca, con una casa confortevole e un carattere allegro, sembrava riunire in sé il meglio che la vita può offrire, e aveva quasi raggiunto i ventun anni senza subire alcun dolore o grave dispiacere. (Traduzione: ...

BLITHEDALE

BLITHEDALE

N. Hawthorne

La sera prima di partire per Valgioiosa, me ne tornavo al mio quartierino di scapolo, dopo aver assistito ad una meravigliosa esibizione della Dama Velata, quando un uomo già avanti negli anni e alquanto male in arnese mi fermò in un punto piuttosto ...

DOMANI NELLA BATTAGLIA PENSA A ME

DOMANI NELLA BATTAGLIA PENSA A ME

J. Marías

Nessuno pensa mai che potrebbe ritrovarsi con una morta tra le braccia e non rivedere mai più il viso di cui ricorda il nome. Nessuno pensa mai che qualcuno possa morire nel momento più inopportuno anche se questo capita di continuo, e crediamo che ...

LA RIVOLTA DELL’ELSINORE

LA RIVOLTA DELL’ELSINORE

J. London

Il viaggio cominciò male fin da principio. Cacciato fuori dall’albergo in una fredda mattina di marzo, avevo attraversato Baltimora ed ero giunto sulla gettata all’ora indicata. Alle nove il rimorchiatore mi avrebbe dovuto fare attraversare la baia ...

CIGNI SELVATICI

CIGNI SELVATICI

J. Chang

All’età di quindici anni mia nonna divenne concubina di un signore della guerra, un generale capo della polizia di un inconsistente governo nazionale cinese. Era il 1924, e la Cina era in preda al caos. Gran parte del suo territorio, compresa la ...

ZERO ZERO ZERO

ZERO ZERO ZERO

R. Saviano

La coca la sta usando chi è seduto accanto a te ora in treno e l’ha presa per svegliarsi stamattina o l’autista al volante dell’autobus che ti porta a casa, perché vuole fare gli straordinari senza sentire i crampi alla cervicale. Fa uso di coca ...

IL NOME DELLA ROSA

IL NOME DELLA ROSA

U. Eco

In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. Questo era in principio presso Dio e compito del monaco fedele sarebbe ripetere ogni giorno con salmodiante umiltà l’unico immodificabile evento di cui si possa asserire ...

SENILITÀ

SENILITÀ

I. Svevo

Subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria. Parlò cioè a un dipresso così: «T’amo molto e per il tuo bene desidero ci si metta d’accordo di andare molto cauti.» La ...

LA DAMA E L’UNICORNO

LA DAMA E L’UNICORNO

T. Chevalier

Il messo ha voluto che andassi subito con lui. Jean Le Viste è così: pretende che tutti facciano come dice, immediatamente. E io l’ho fatto. Ho seguito il valletto, trattenendomi solo un istante a pulire i pennelli. Una commissione da parte di Jean ...

TARZAN DELLE SCIMMIE

TARZAN DELLE SCIMMIE

E. R. Burroughs

Questa strana storia mi è stata raccontata da una persona che non aveva il diritto di raccontarla né a me, né a nessun altro. Per spiegarla, sarà meglio che io menzioni fin d’ora l’influenza positiva esercitata da un vino d’annata sul ...

IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

J. Boyne

Un pomeriggio, di ritorno da scuola, Bruno sorprese Maria in camera sua. La loro cameriera – che stava sempre a testa bassa, con gli occhi incollati al pavimento – tirava fuori dall’armadio tutte le sue cose. Perfino quelle nascoste sul fondo, che ...

DUE RAGAZZI. DUBLINO. IL MARE

DUE RAGAZZI. DUBLINO. IL MARE

J. O'Neill

Ecco qua Mr Mack, gallo del borgo. Un piede su, quell’altro piede giù. Che fenomeno, eh. Con un buffetto al cappello di qui e un buon mattino di là, e tippettappe, che più dandy non è neanche un pascià. Si scappellerebbe anche davanti a un ...

LE CITTÀ INVISIBILI

LE CITTÀ INVISIBILI

I. Calvino

Non è detto che Kublai Kan creda a tutto quel che dice Marco Polo quando gli descrive le città visitate nelle sue ambascerie, ma certo l’imperatore dei tartari continua ad ascoltare il giovane veneziano con più curiosità e attenzione che ogni altro ...

LA BIBBIA

LA BIBBIA

In principio Dio creò il cielo e la terra. Ma la terra era deserta e disadorna e v’era tenebra sulla superficie dell’oceano e lo spirito di Dio era sulla superficie delle acque. Dio allora ordinò: «Vi sia luce». E vi fu luce. E Dio vide che la ...

IL CACCIATORE DI AQUILONI

IL CACCIATORE DI AQUILONI

K. Hosseini

Dicembre 2001 Sono diventato la persona che sono oggi all’età di dodici anni, in una gelida giornata invernale del 1975. Ricordo il momento preciso: ero accovacciato dietro un muro di argilla mezzo diroccato e sbirciavo di nascosto nel vicolo lungo ...

IL CANTO DI NATALE

IL CANTO DI NATALE

C. Dickens

Marley era morto, tanto per cominciare. Non c’era dubbio su ciò: il suo atto di morte era firmato dal pastore, dal coadiutore, dall’uomo delle pompe funebri e dal capo dei piagnoni. L’aveva firmato anche Scrooge, e il nome di Scrooge alla Borsa ...

IL LIBRO DELL’INVERNO

IL LIBRO DELL’INVERNO

T. Jansson

Era lì tra il mucchio di carbone e i vagoni merci, sotto dei pezzi di assi, ed era un vero miracolo che nessuno l’avesse notata prima di me. Un’intera faccia scintillava d’argento e a fregare via la polvere di carbone si poteva vedere che era ...

Loading...

End of content

No more pages to load