Incipit

IL PADIGLIONE D’ORO

Y. Mishima

Mio padre mi aveva parlato spesso del Padiglione d’oro, fin da quand’ero bambino. Sono nato su uno sperduto promontorio che s’avanza nel mar del Giappone a nord-est di Maizuru. Mio padre era nato invece a Shiraku, più a oriente; poi, la vocazione ...

LA COMPAGNIA DELL’ANELLO

J. R. R. Tolkien

Quando il signor Bilbo Baggins di Casa Baggins annunziò che avrebbe presto festeggiato il suo centoundicesimo compleanno con una festa sontuosissima, tutta Hobbiville si mise in agitazione. Bilbo era estremamente ricco e bizzarro e, da quando ...

LA FARISEA

F. Mauriac

«Ragazzo, vieni qui!» Mi voltai credendo che egli si rivolgesse a uno dei miei compagni. Ma no, il vecchio zuavo pontificio chiamava, sorridendo, proprio me. La cicatrice sul suo labbro superiore rendeva orribile quel sorriso. Il colonnello conte di ...

OCEANO MARE

A. Baricco

Sabbia a perdita d’occhio, tra le ultime colline e il mare – il mare – nell’aria fredda di un pomeriggio quasi passato, e benedetto dal vento che sempre soffia da nord. La spiaggia. E il mare. Potrebbe essere la perfezione – immagine per ...

CUORE DI TENEBRA

J. Conrad

La Nellie, un’imbarcazione da crociera, girò sull'ancora senza il più lieve fileggiare delle vele, e fu ferma. La marea s’era alzata, il vento quasi cessato e, poiché si scendeva il fiume, non rimaneva che stare alla fonda e attendere il ...

NAPOLEONE

A. Dumas (padre)

Il 15 agosto 1769 nacque ad Aiaccio un bambino, che ebbe dalla sua famiglia il nome di Buonaparte e dalla sorte quello di Napoleone. La sua prima giovinezza trascorse in mezzo alle febbrili agitazioni che seguono ogni rivoluzione: la Corsica, che da ...

IL GIARDINO SEGRETO

F. H. Burnett

Quando Mary Lennox arrivò al Castello di Misselthwaite per vivere con lo zio, tutti dissero che si trattava della bambina meno attraente che avessero mai visto. Ed era vero. Aveva una faccina sottile, sottili capelli chiari e un’espressione acida. I ...

IL GRANDE GATSBY

F. S. Fitzgerald

Negli anni più vulnerabili della giovinezza, mio padre mi diede un consiglio che non mi è mai più uscito di mente. “Quando ti vien voglia di criticare qualcuno” mi disse “ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai ...

OLIVER TWIST

C. Dickens

Tra gli altri edifici di una certa cittadina, che per diverse ragioni sarà per me prudente astenermi dal menzionare e alla quale neanche assegnerò un nome fittizio, ve n’è uno familiare un tempo alla maggior parte delle città, grandi o piccole che ...

I TRE MOSCHETTIERI

A. Dumas (padre)

Il primo lunedì del mese d’aprile 1625, il paese di Meung dove nacque l’autore del Roman de la Rose, appariva in completo subbuglio, proprio come se gli ugonotti fossero venuti a tentare una seconda Rochelle. Parecchi borghesi, vedendo le donne ...

IL FU MATTIA PASCAL

L. Pirandello

Una delle poche cose, anzi forse la sola ch’io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal. E me ne approfittavo. Ogni qual volta qualcuno de’ miei amici o conoscenti dimostrava d’aver perduto il senno fino al punto di venire da me ...

MARTIN EDEN

J. London

Quel tale aprì la porta per la maniglia ed entrò, seguito da un giovanotto che goffamente si tolse il berretto. Questi indossava panni grossolani che sapevano di mare, ed evidentemente non si trovava a posto in quell’atrio spazioso. Non sapeva che ...

LE CENERI DI ANGELA

F. McCourt

Era meglio se i miei restavano a New York dove si erano conosciuti e sposati e dove sono nato io. Invece se ne tornarono in Irlanda che io avevo quattro anni, mio fratello Malachy tre, i gemelli Oliver e Eugene appena uno e mia sorella Margaret era già ...

UOMINI E NO

E. Vittorini

L’inverno del ’44 è stato a Milano il più mite che si sia avuto da un quarto di secolo; nebbia quasi mai, neve mai, pioggia non più da novembre, e non una nuvola per mesi; tutto il giorno sole. Spuntava il giorno e spuntava il sole; cadeva il ...

LA METAMORFOSI

F. Kafka

Una mattina Gregorio Samsa, destandosi da sogni inquieti, si trovò mutato in un insetto mostruoso. Era disteso sul dorso, duro come una corazza, e alzando un poco il capo poteva vedere il suo ventre bruno convesso, solcato da nervature arcuate, sul ...

IL BAMBINO DI NOÈ

É.-E. Schmitt

Quando avevo dieci anni facevo parte di un gruppo di bambini che tutte le domeniche venivano messi all’asta. Non eravamo in vendita: ci facevano sfilare sulla passerella con la speranza che tra il pubblico ci fosse qualcuno pronto a prenderci. ...

IL SERGENTE NELLA NEVE

M. Rigoni Stern

Ho ancora nel naso l’odore che faceva il grasso sul fucile mitragliatore arroventato. Ho ancora nelle orecchie e sin dentro il cervello il rumore della neve che crocchiava sotto le scarpe, gli sternuti e i colpi di tosse delle vedette russe, il suono ...

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

C. Collodi

C’era una volta… – Un re! – diranno subito i miei piccoli lettori. No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno. Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo di catasta, di quelli che d’inverno si mettono nelle stufe e ...

Loading...

End of content

No more pages to load