Incipit

I TRE MOSCHETTIERI

A. Dumas (padre)

Il primo lunedì del mese d’aprile 1625, il paese di Meung dove nacque l’autore del Roman de la Rose, appariva in completo subbuglio, proprio come se gli ugonotti fossero venuti a tentare una seconda Rochelle. Parecchi borghesi, vedendo le donne scappare in direzione della Grande-Rue e sentendo i bambini strillare sulla soglia degli usci, si affrettavano a indossare la corazza e rafforzando il loro contegno alquanto esitante con un moschetto o una partigiana, si dirigevano verso la locanda del Franc Meunier, davanti alla quale si affollava infittendosi di momento in momento, un gruppo compatto, rumoroso e pieno di curiosità.


(Traduzione: Marisa Zini)

Per acquistare questo libro:

Trova una libreria

Per acquistare questo libro:

Trova una libreria


Potrebbero interessarti:
A. Starritt

La ritirata

Mio caro Callum, sono trascorsi ormai diciassette anni da quando ci siamo visti l’ultima volta. Spero tanto che avremo almeno un’altra occasione di farlo. So che sei molto occupato, ma vieni a trovarmi quando ti è più comodo – ricorda solo di ...
E. Hemingway

AVERE E NON AVERE

Sapete com’è la mattina presto all’Avana, coi vagabondi ancora addormentati lungo i muri, prima che i furgoni del ghiaccio comincino il loro giro dei bar? Bene, attraversammo la piazza dal molo al Caffè San Francisco per bere una tazza di caffè e ...
J. Gaarder

IL MONDO DI SOFIA

…insomma, qualcosa doveva essere stato creato una prima volta dal nulla… Sofia Amundsen stava tornando la scuola. Aveva percorso il primo tratto di strada insieme a Jorunn e avevano parlato di robot. Secondo Jorunn, il cervello degli esseri umani ...
J. Simpson

IL RICHIAMO DEL SILENZIO

Il ghiaccio era sottile e infido. Vedevo l’acqua correre sotto lo strato opaco, minarne la resistenza. Guardai in basso. Alla base della parete, Ian Tattersall, detto «Tat», pestava i piedi, ingobbito dal freddo. Ci stavo mettendo troppo. Percepivo ...
S. Satta

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

Don Sebastiano Sanna Carboni, alle nove in punto, come tutte le sere, spinse indietro la poltrona, piegò accuratamente il giornale che aveva letto fino all’ultima riga, riassettò le piccole cose sulla scrivania, e si apprestò a scendere al piano ...
E. Zola

THÉRÈSE RAQUIN

In fondo a rue Guénégaud, venendo dal lungosenna, si trova il passaggio del Pont-Neuf, una sorta di corridoio stretto e oscuro che va da rue Mazarine a rue de Seine. Questo passaggio è lungo trenta passi e largo al massimo due; è pavimentato di ...