Incipit

F. Dostoevskij

MEMORIE DAL SOTTOSUOLO

Io sono una persona malata… sono una persona cattiva. Io sono uno che non ha niente di attraente. Credo d’avere una malattia al fegato. Anche se d’altra parte non ci capisco un’acca della mia malattia, e non so che cosa precisamente ci sia di malato in me. Non mi curo e non mi sono mai curato, anche se la medicina e i dottori io li rispetto. Per di più sono anche superstizioso al massimo grado; o per lo meno quanto basta per rispettare la medicina.

(Traduzione: Igor Sibaldi)

Potrebbero interessarti:
G. Arpino

L’OMBRA DELLE COLLINE

Sapevo di sognare. La salita era ripida, il sentiero appena tracciato tra le erbe andava su con brusche curve, ogni tanto rabbuiandosi tra le acacie che si sporgevano a grappoli, a ombrello. Tutto pareva felice intorno, in un ordine e silenzio ...
M. Murgia

ACCABADORA

Fillus de anima. È così che li chiamano i bambini generati due volte, dalla povertà di una donna e dalla sterilità di un’altra. Di quel secondo parto era figlia Maria Listru, frutto tardivo dell’anima di Bonaria Urrai. Quando la vecchia si era ...
S. Bellow

HERZOG

Se sono matto, per me va benissimo, pensò Moses Herzog. C’era della gente che pensava fosse un po’ tocco, e per qualche tempo anche lui l’aveva dubitato. Ma adesso, benché continuasse a comportarsi in maniera leggermente stramba, si sentiva ...
Vamba

IL GIORNALINO DI GIANBURRASCA

Ecco fatto. Ho voluto ricopiare qui in questo mio giornalino il foglietto del calendario d’oggi che segna l’entrata delle truppe italiane in Roma e che è anche il giorno che son nato io come ci ho scritto sotto perché gli amici che vengono in casa ...
S. de Beauvoir

UNA DONNA SPEZZATA

Lunedì 13 settembre. Les Salines È uno scenario piuttosto straordinario quest’abbozzo di città abbandonata ai bordi di un villaggio e al margine dei secoli. Ho percorso una metà dell’emiciclo, o salito la gradinata del padiglione centrale, e per ...
B. Chatwin

SULLA COLLINA NERA

Per quarantadue anni Lewis e Benjamin Jones dormirono l’uno accanto all’altro nel letto dei genitori, nella loro fattoria chiamata «La Visione». Il letto, a colonne di quercia, era venuto dalla casa della madre a Bryn-Draenog, quando si era ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *