Micro recensione
Le tre parole che cambiarono il mondo

M. Augé

Pasqua 2018. In piazza San Pietro i fedeli attendono la benedizione di Papa Francesco, che invece dichiara: “Dio non esiste”. Silenzio, disorientamento, poi panico. Nei giorni seguenti il mondo è travolto da proteste di ogni credo, da manifestazioni, attentati e caos, orchestrati da un’organizzazione segreta internazionale che mira all’abbattimento dei miti religiosi in favore della pura razionalità come rimedio ad ogni male. Racconto distopico di fantapolitica, provocatorio e forse semplicistico. Punto di partenza per riflessioni più ampie.
Copertina Le tre parole che cambiarono il mondo


Per acquistare questo libro:

Trova una libreria

Acquista su Amazon.it

— Attenzione! L'edizione citata non rappresenta nè un consiglio nè una segnalazione. È semplicemente l'edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —
Copertina Le tre parole che cambiarono il mondo

Per acquistare questo libro:

Trova una libreria

Acquista su Amazon.it


Potrebbero interessarti:
Dune

Dune

F. Herbert
È un libro classico, entusiasmante, epico, imperdibile, suggestivo
Generi: avventura, fantascienza, romanzo
  • Editore: Editrice Nord
  • Anno: 1973
  • Pagine: 535
  • Traduzione: Gianpaolo Cossato
Piccole grandi cose

Piccole grandi cose

J. Picoult
È un libro amaro, angosciante, crudo, drammatico
Generi: realismo, romanzo, sociale
  • Editore: Corbaccio
  • Anno: 2017
  • Pagine: 492
  • Traduzione: Lucia Corradini Caspani
Il bambino di fuoco

Il bambino di fuoco

J. Gordon
È un libro inquietante, intrigante, suggestivo
Generi: horror, racconto, ragazzi
  • Editore: Mondadori
  • Anno: 1994
  • Pagine: 94
  • Traduzione: Ilva Tron
  • Età: da 13 anni
L’ibisco viola

L’ibisco viola

C. N. Adichie
È un libro commovente, drammatico, introspettivo, struggente
Generi: formazione, romanzo, sociale, storico
  • Editore: Einaudi
  • Anno: 2016
  • Pagine: 288
  • Traduzione: Maria Giuseppina Cavallo
Vajont: quelli del dopo

Vajont: quelli del dopo

M. Corona
È un libro amaro, documentato, drammatico, malinconico
Generi: dramma, politico, realismo, teatro
  • Editore: Mondadori
  • Anno: 2010
  • Pagine: 73
Ho sognato l’Ospedale

Ho sognato l’Ospedale

L. Romano
È un libro affascinante, evocativo, introspettivo, onirico, particolare
Generi: autobiografia, racconto
  • Editore: il melangolo
  • Anno: 1995
  • Pagine: 79