Incipit

J. Conrad

TIFONE

Il capitano MacWhirr, del piroscafo Nan-Shan, aveva una fisionomia che, nell’ordine delle apparenze materiali, era l’immagine esatta della sua mente: essa non presentava nessuna caratteristica marcata di fermezza o di stupidità; anzi, non aveva proprio nessuna caratteristica pronunciata; era semplicemente naturale, inespressiva e serena.
L’unica cosa che il suo aspetto denotasse, talvolta, era la timidezza. A terra, egli soleva sedere negli uffici abbronzato e lievemente sorridente, con gli occhi bassi.


(Traduzione: Alda Politzer)

Potrebbero interessarti:
I. B. Singer

SHOSHA

Io venni educato sulla base di tre lingue morte – l’ebraico, l’aramaico e lo yiddish (che alcuni non considerano affatto una lingua) – e di una cultura che si sviluppò a Babilonia: il Talmùd. La cheder dove studiavo era un locale in cui il ...
A. Moresco

LA LUCINA

Sono venuto qui per sparire, in questo borgo abbandonato e deserto di cui sono l’unico abitante. Il sole è appena scomparso dietro il crinale. La luce si sta spegnendo. In questo momento sono seduto a pochi metri dalla mia piccola casa, di fronte a ...
O. Pamuk

IL SIGNOR CEVDET E I SUOI FIGLI

«Le maniche del pigiama, la mia schiena… l’intera classe… tutto, anche le lenzuola… È tutto bagnato fradicio! Oddio, persino il materasso è zuppo! E adesso… e adesso mi sono pure svegliato del tutto!» farfugliò Cevdet girandosi ...
E. Gaskell

NORD E SUD

«Edith!» disse Margaret, con dolcezza. «Edith!». Ma, come Margaret in parte sospettava, Edith si era addormentata. Raggomitolata sul divano nel salotto sul retro di Harley Street, appariva davvero deliziosa in mussolina bianca e nastri blu. Se mai ...
N. Ammaniti

ANNA

Aveva tre, forse quattro anni. Era seduto composto sopra una poltroncina di finta pelle, il mento piegato sulla maglietta verde a maniche corte. Il risvolto dei jeans sulle scarpe da ginnastica. In una mano stringeva un trenino di legno che gli pendeva ...
H. Murakami

NORWEGIAN WOOD

Avevo trentasette anni, ed ero seduto a bordo di un Boeing 747. Il gigantesco velivolo aveva cominciato la discesa attraverso densi strati di nubi piovose, e dopo poco sarebbe atterrato all’aeroporto di Amburgo. La fredda pioggia di novembre tingeva di ...