Incipit

J. Conrad

TIFONE

Il capitano MacWhirr, del piroscafo Nan-Shan, aveva una fisionomia che, nell’ordine delle apparenze materiali, era l’immagine esatta della sua mente: essa non presentava nessuna caratteristica marcata di fermezza o di stupidità; anzi, non aveva proprio nessuna caratteristica pronunciata; era semplicemente naturale, inespressiva e serena.
L’unica cosa che il suo aspetto denotasse, talvolta, era la timidezza. A terra, egli soleva sedere negli uffici abbronzato e lievemente sorridente, con gli occhi bassi.


(Traduzione: Alda Politzer)

Potrebbero interessarti:
R. Dahl

MATILDE

I padri e le madri sono tipi strani: anche se il figlio è il più orribile moccioso che si possa immaginare, sono convinti che si tratti di un bambino stupendo. Niente di male: il mondo è fatto così. Ma quando dei genitori cominciano a spiegarci che ...
O. Fallaci

UN UOMO

Un ruggito di dolore e di rabbia si alzava sulla città, e rintronava incessante, ossessivo, spazzando qualsiasi altro suono, scandendo la grande menzogna. Zi, zi, zi! Vive, vive, vive! Un ruggito che non aveva nulla di umano. Infatti non si alzava da ...
M. Szabó

L’ALTRA ESZTER

Sarei voluta uscire prima stamattina, ma dovevo aspettare Gyurica, e sai che lui è perennemente in ritardo. Aveva detto che sarebbe arrivato per le nove, ma quando l’ho visto entrare dal portone erano ormai le undici passate. Tutti hanno creduto che ...
K. Vonnegut

MATTATOIO N. 5

È tutto accaduto, più o meno. Le parti sulla guerra, in ogni caso, sono abbastanza vere. Un tale che conoscevo fu veramente ucciso, a Dresda, per aver preso una teiera che non era sua. Un altro tizio che conoscevo minacciò veramente di far uccidere i ...
C. Tóibín

THE MASTER

Certe volte, di notte, sognava i morti – i volti familiari e anche gli altri, quelli semidimenticati, fugacemente richiamati alla memoria. Adesso, svegliandosi, immaginò che mancasse un’ora o più all’alba; per alcune ore non vi sarebbero stati ...
S. King

MISERY

umber whunnnn yerrrnnn umber whunnnn fayunnnn Questi suoni: nonostante la nebbia. (Traduzione: Tullio Dobner)