Incipit

M. Krleža

IL RITORNO DI FILIP LATINOVICZ

Albeggiava quando Filip giunse alla stazione di Kaptol. Erano ventitré anni che mancava da quell’angolo di mondo, eppure ricordava ogni cosa: i tetti fradici e marci, il campanile a bulbo del convento, la casa a un piano in fondo al viale buio, grigia e scolorita dal vento, la Medusa di gesso sopra il pesante portone di quercia ferrato, e la maniglia fredda.


(Traduzione: a cura di Silvio Ferrari)


Potrebbero interessarti:
D. Lodge

IL PROFESSORE VA AL CONGRESSO

“Aprile è il più crudele dei mesi”, la citazione Persse McGarrigle la fece silenziosamente a se stesso, osservando attraverso i vetri sporchi la neve fuori stagione che incrostava i prati e le aiuole del campus dell’università di Rummidge. Aveva ...
P. Cacucci

PUERTO ESCONDIDO

Acido. Pizzichi di luce, ronzio. Echi di colpi che rimbalzano da una parete all’altra del cranio, immenso come un solaio. Luce violenta. Credo che gli occhi siano aperti. Bianco. Li chiudo, li riapro, il bianco diventa grigio chiaro, torna bianco ...
R. Vecchioni

IL LIBRAIO DI SELINUNTE

La mia città non si chiama Selinunte, anzi, non si chiama proprio. Si chiamava così una volta, quando alle cose corrispondevano nomi. Oggi qui non si comunica più a parole, ma a codici; a volte semplici, a volte complessi, fatti di segni mischiati a ...
H. Böll

DIARIO D’IRLANDA

Quando arrivai a bordo del piroscafo, l’occhio e l’orecchio, gli odori stessi che sentivo intorno, mi dissero che avevo varcato un confine. Avevo visto l’Inghilterra in uno dei suoi aspetti più dolci, il Kent, quasi bucolico e, sfiorata appena la ...
E. O'Brien

RAGAZZE NELLA FELICITÀ CONIUGALE

Non molto tempo fa, Kate Brady e io stavamo bevendo insieme un paio di malinconici gin fizz, su a Londra, lagnandoci del fatto che niente sarebbe mai cambiato, che saremmo morte così com’eravamo: con quel tanto che basta per mangiare, maritate con ...
J. London

LA PESTE SCARLATTA

Il sentiero correva lungo quello che un tempo era il terrapieno di una ferrovia. Ma non ci transitavano più treni ormai da molti anni. La foresta rimontava i versanti del terrapieno scavalcando il dosso, un’onda verde di alberi e di arbusti. Il ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *