Incipit

J. Austen

PERSUASIONE

Sir Walter Elliot, di Kellynch-hall, nel Somersetshire, non leggeva per svago altri libri che non fossero il «Baretonage»; ne traeva sentimenti di ammirazione e rispetto contemplando i pochi discendenti delle più antiche patenti di nobiltà; mentre ogni sgradita sensazione dovuta a problemi domestici spontaneamente si mutava in compassione e disprezzo alla lettura degli innumerevoli titoli creati nel secolo precedente; se poi ogni altra pagina si rivelava priva di efficacia, sir Walter leggeva sempre con inestinguibile interesse la propria storia.


(Traduzione: Anna Luisa Zazo)

Potrebbero interessarti:
J. Spyri

HEIDI

Al piede di una fila di monti dalle cime frastagliate che guardano minacciose giù verso la valle dell’Alto Reno, c’è un paese come in Svizzera ce ne sono tanti: con la chiesa dal campanile a punta e la scuola, il mulino, il fabbro e il calzolaio. ...
G. de Maupassant

BEL-AMI

Quando la cassiera gli ebbe dato il resto dei cinque franchi, Giorgio Duroy uscì dal ristorante. Siccome aveva un bel portamento, sia per natura, sia per posa di ex sottufficiale, si impettì, si arricciò i baffi con un gesto militaresco abituale, e ...
D. Defoe

MOLL FLANDERS

Il mio vero nome è fin troppo noto, nelle carte e nelle cronache della prigione di Newgate e al tribunale dell’Old Bailey, e vi sono ancora prudenti faccende di gravità tale, riguardo alla mia specifica condotta, da far escludere che io possa firmare ...
G. Boccaccio

DECAMERON

Quantunque volte, graziosissime donne, meco pensando riguardo quanto voi naturalmente tutte siete pietose, tante conosco che la presente opera al vostro iudicio avrà grave e noioso principio, sì come è la dolorosa ricordazione della pestifera ...
R. Dahl

Il GGG

Sofia non riusciva a prender sonno. Un raggio di luna che filtrava tra le tende andava a cadere obliquamente proprio sul suo cuscino. Nel dormitorio gli altri bambini sognavano già da tempo. Sofia chiuse gli occhi e rimase immobile tentando con tutte ...
A. Döblin

BERLIN ALEXANDERPLATZ

Fermo davanti alla porta della prigione di Tegel, era libero. Ancora ieri insieme agli altri aveva raccolto patate nei campi dietro il penitenziario, vestito da forzato, ora se ne andava attorno con un soprabito giallo, leggero, gli altri stavano ancora ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *