Incipit

V. V. Nabokov

LOLITA

Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei limbi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per battere, al terzo, contro i denti. Lo. Li. Ta.
Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea tratteggiata dei documenti. Ma tra le mie braccia era sempre Lolita.


(Traduzione: Giulia Arborio Mella)

Potrebbero interessarti:
B. Pasternàk

IL DOTTOR ŽIVAGO

Andavano e andando cantavano eterna memoria. Nelle pause, sembrava fossero i piedi, i cavalli, gli aliti di vento a continuare il canto intonato. I passanti facevano largo al corteo, contavano le corone, si segnavano. I curiosi, entrando tra le file, ...
S. Savage

FIRMINO

Avevo sempre immaginato che la storia della mia vita, se un giorno l’avessi mai scritta, sarebbe cominciata con un capoverso memorabile: lirico come il «Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi» di Nabokov o, se non altro, di grande respiro ...
P. Pouncey

REGOLE PER VECCHI GENTILUOMINI

La casa e il vecchio erano ben assortiti, entrambi imponenti e in rapido declino. La casa però aveva un’attenuante, pensava MacIver; lui aveva ottant’anni, la casa invece era più vecchia della Repubblica ed esisteva già da un secolo quando Thoreau ...
C. Dickens

IL CIRCOLO PICKWICK

Il primo raggio di luce che rischiara le tenebre e trasforma in splendore abbacinante l’oscurità di cui parrebbe ammantata agli esordi la vita pubblica dell’immortale Pickwick, scaturisce dalla lettura della seguente delibera, tratta dagli Atti del ...
C. McCarthy

FIGLIO DI DIO

Arrivarono come una sfilata di carri da fiera, e sotto il sole del mattino sfilarono su per la collina fra i campi di ginestre, con il camioncino che traballava e beccheggiava lungo i solchi del sentiero mentre i musicisti, seduti sulle loro sedie sopra ...
Ph. K. Dick

CONFESSIONI DI UN ARTISTA DI MERDA

Io sono fatto d’acqua. Non ve ne potete accorgere perché faccio in modo che non esca fuori. Anche i miei amici sono fatti d’acqua. Tutti quanti. Il nostro problema è che non solo dobbiamo andarcene in giro senza essere assorbiti dal terreno ma, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *