Incipit

I. Falcones

LA CATTEDRALE DEL MARE

Anno 1320
Masseria di Bernat Estanyol
Navarcles, principato di Catalogna

Approfittando di un attimo di disattenzione dei presenti, Bernat alzò gli occhi verso il cielo azzurro e terso. Il tenue sole di fine settembre accarezzava i volti dei suoi invitati. Aveva dedicato così tante ore e sforzi ai preparativi della festa che solo un tempo inclemente avrebbe potuto rovinarla. Bernat sorrise al cielo autunnale e, quando abbassò lo sguardo, l’espressione dipinta sul suo volto si accentuò di fronte all’allegria che regnava sullo spiazzo di pietra di fronte alla porta delle stalle, al pianterreno della masseria.


(Traduzione: Roberta Bovaia)

Potrebbero interessarti:
R. Lewis

IL PIÙ GRANDE UOMO SCIMMIA DEL PLEISTOCENE

Quando i venti soffiavano forte da nord, spifferando gelidi che la grande cappa di ghiaccio continuava la sua avanzata, noi ammucchiavamo tutte le nostre riserve di legna e fascine davanti alla caverna e facevamo un gran fuoco, convinti che per quanto a ...
M. Cărtărescu

TRAVESTI

Amico, come lottare contro la mia chimera? Mio caro, mio affine, tu, il solo uomo per il quale scrivo, per il quale abbia mai scritto, come sfuggire a quel segno di rossetto posto sulla mia vita come su uno specchio nel bagno e che niente riesce a ...
J. Cheever

BULLET PARK

Dunque, vorrei avere davanti a me un quadro con su dipinta una stazioncina dieci minuti prima che cali la notte. Oltre il marciapiede, le acque del Wekonsett River riflettono i cupi riverberi del tramonto. L’architettura dell’edificio è stranamente ...
S. Benni

LA COMPAGNIA DEI CELESTINI

Nell’anno 1990 e rotti, nel fiorente stato di Gladonia, nella ricca città di Banessa, nell’elegante quartiere dei Palazzi Vecchi, nel misero refettorio dei Padri Zopiloti, erano le sedici e trenta, ora di cena. La grande statua del Cristo col ...
G. Greene

IL POTERE E LA GLORIA

Il signor Tench uscì a cercare il suo cilindro di etere: nell’abbagliante sole messicano e nella polvere scolorante. Alcuni avvoltoi guardarono giù dal tetto con vile indifferenza: non era ancora una carogna. Un tenue senso di ribellione si destò ...
W. Moers

IL LABIRINTO DEI LIBRI SOGNANTI

E la storia riprende da qui, racconta di come tornai a Librandia e di quando scesi una seconda volta nelle catacombe della città dei libri. Vi compaiono vecchi amici e nuovi nemici, fresche alleanze e antiche rivalità. Ma si sofferma soprattutto, per ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *