Incipit

T. Gautier

IL ROMANZO DELLA MUMMIA

«Ho il presentimento che troveremo nella valle di Biban El-Molûk una tomba inviolata», diceva a un giovane inglese di nobile aspetto un personaggio molto più umile, mentre si asciugava con un gran fazzoletto a riquadri blu la fronte calva imperlata di sudore quasi fosse stata plasmata nell’argilla porosa e riempita d’acqua come un orcio di Tebe.


(Traduzione: Laura Aga-Rossi)


Potrebbero interessarti:
M. Twain

LE AVVENTURE DI HUCKLEBERRY FINN

Voi di me non sapete niente se non avete letto un libro che si chiama Le avventure di Tom Sawyer, ma questo non importa. Questo libro l’ha fatto Mr. Mark Twain, e lui ha detto la verità, in genere. Certe cose le ha tirate in lungo, ma di solito ha ...
H. Hesse

DEMIAN

Per raccontare la mia storia, debbo iniziare da molto lontano. Dovrei, se mi fosse possibile, risalire ancor più indietro, ai primissimi anni della mia infanzia e ancora più in là, indietro nella lontananza della mia origine. I poeti, quando scrivono ...
A. McCall Smith

UN MIRACOLO NEL BOTSWANA

L’indirizzo esatto di Preciuos Ramotswe, la più insigne solutrice di problemi del Botswana, ovvero dove la si poteva trovare fra le otto del mattino e le cinque del pomeriggio, tranne quando non c’era, era il seguente: «Ladies’ Detective Agency ...
F. H. Burnett

IL PICCOLO LORD

Cedric del suo papà sapeva soltanto che era un inglese. Quando rimase orfano era molto piccolo e rammentava confusamente un bell’uomo d’alta statura, i suoi occhi azzurri, i baffi biondi, lunghi e morbidi e il grande divertimento di farsi portare in ...
M. Angelou

IO SO PERCHÉ CANTA L’UCCELLO IN GABBIA

Eravamo arrivati nel piccolo paese ammuffito quando io avevo tre anni e Bailey quattro, con delle targhette al polso su cui era scritto: a tutti gli interessati, e i nostri nomi Marguerite e Bailey Johnson Jr. di Long Beach, California, diretti a Stamps, ...
B. Pasternàk

IL DOTTOR ŽIVAGO

Andavano e andando cantavano eterna memoria. Nelle pause, sembrava fossero i piedi, i cavalli, gli aliti di vento a continuare il canto intonato. I passanti facevano largo al corteo, contavano le corone, si segnavano. I curiosi, entrando tra le file, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *