Incipit

U. Eco

IL NOME DELLA ROSA

In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. Questo era in principio presso Dio e compito del monaco fedele sarebbe ripetere ogni giorno con salmodiante umiltà l’unico immodificabile evento di cui si possa asserire l’incontrovertibile verità. Ma videmus nunc per speculum et in aenigmate e la verità, prima che faccia a faccia, si manifesta a tratti (ahi, quanto illeggibili) nell’orrore del mondo, così che dobbiamo compitarne i fedeli segnacoli, anche là dove ci appaiono oscuri e quasi intessuti di una volontà del tutto intesa al male.


Potrebbero interessarti:
D. Nicholls

UN GIORNO

Venerdì, 15 luglio 1988 Rankeillor Street, Edimburgo «La cosa importante per me è segnare sempre una differenza» disse lei. «Insomma, cambiare qualcosa, capisci?». «Tipo “cambiare il mondo”?». «Non tutto il mondo. Soltanto il piccolo ...
J. Austen

RAGIONE E SENTIMENTO

La famiglia Dashwood si era stabilita nel Sussex da molto tempo; le loro proprietà terriere erano vaste, e al centro sorgeva Norland Park, la residenza in cui per molte generazioni avevano vissuto in modo tanto rispettabile da essersi guadagnati la ...
J. Steinbeck

FURORE

Sulle terre rosse e su una parte delle terre grigie dell’Oklahoma le ultime piogge furono leggere, e non lasciarono traccia sui terreni arati. Le lame passarono e ripassarono spianando i solchi piovani. Le ultime piogge fecero rialzare in fretta il ...
N. Leskov

IL VIAGGIATORE INCANTATO

Navigavamo per il Ladoga dall’isola di Konevec a Valaam e cammin facendo approdammo per qualche occorrenza del battello al porto di Korela. Qui molti di noi ebbero la curiosità di scendere a terra e andarono su baldi cavallini finlandesi in quella ...
W. M. Thackeray

LA FIERA DELLE VANITÀ

Il secolo presente aveva l’età in cui le ragazze cominciano a sognare l’amore, quando, in una bella mattina di giugno, una carrozza padronale tirata da ben due pasciuti cavalli dai finimenti luccicanti, e guidata da un ben pasciuto cocchiere in ...
J. Conrad

TIFONE

Il capitano MacWhirr, del piroscafo Nan-Shan, aveva una fisionomia che, nell’ordine delle apparenze materiali, era l’immagine esatta della sua mente: essa non presentava nessuna caratteristica marcata di fermezza o di stupidità; anzi, non aveva ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *