Incipit

W. Moers

IL LABIRINTO DEI LIBRI SOGNANTI

E la storia riprende da qui, racconta di come tornai a Librandia e di quando scesi una seconda volta nelle catacombe della città dei libri. Vi compaiono vecchi amici e nuovi nemici, fresche alleanze e antiche rivalità. Ma si sofferma soprattutto, per incredibile che possa sembrare, sulle vicissitudini del Re delle Ombre.
E poi ci sono i libri. Libri delle specie più diverse, di quelli belli e di quelli brutti, di quelli vivi e di quelli morti, dei libri sognanti e di quelli desti, dei libri da poco e di quelli preziosi, dei libri innocui e di quelli pericolosi. E di quelli che nascondono l’inimmaginabile.


(Traduzione: Umberto Gandini)

Potrebbero interessarti:
J. Heller

COMMA 22

Fu un amore a prima vista. La prima volta che Yossarian vide il cappellano, si innamorò pazzamente di lui. Yossarian si trovava all’ospedale con un male al fegato, che mancava poco fosse itterizia. I dottori erano perplessi per il fatto che non si ...
F. Dostoevskij

MEMORIE DAL SOTTOSUOLO

Io sono una persona malata… sono una persona cattiva. Io sono uno che non ha niente di attraente. Credo d’avere una malattia al fegato. Anche se d’altra parte non ci capisco un’acca della mia malattia, e non so che cosa precisamente ci sia di ...
J. Austen

PERSUASIONE

Sir Walter Elliot, di Kellynch-hall, nel Somersetshire, non leggeva per svago altri libri che non fossero il «Baretonage»; ne traeva sentimenti di ammirazione e rispetto contemplando i pochi discendenti delle più antiche patenti di nobiltà; mentre ...
J. Spyri

HEIDI

Al piede di una fila di monti dalle cime frastagliate che guardano minacciose giù verso la valle dell’Alto Reno, c’è un paese come in Svizzera ce ne sono tanti: con la chiesa dal campanile a punta e la scuola, il mulino, il fabbro e il calzolaio. ...
G. de Maupassant

BEL-AMI

Quando la cassiera gli ebbe dato il resto dei cinque franchi, Giorgio Duroy uscì dal ristorante. Siccome aveva un bel portamento, sia per natura, sia per posa di ex sottufficiale, si impettì, si arricciò i baffi con un gesto militaresco abituale, e ...
D. Defoe

MOLL FLANDERS

Il mio vero nome è fin troppo noto, nelle carte e nelle cronache della prigione di Newgate e al tribunale dell’Old Bailey, e vi sono ancora prudenti faccende di gravità tale, riguardo alla mia specifica condotta, da far escludere che io possa firmare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *