Incipit

H. Böll

DIARIO D’IRLANDA

Quando arrivai a bordo del piroscafo, l’occhio e l’orecchio, gli odori stessi che sentivo intorno, mi dissero che avevo varcato un confine. Avevo visto l’Inghilterra in uno dei suoi aspetti più dolci, il Kent, quasi bucolico e, sfiorata appena la meraviglia topografica di Londra, nel suo aspetto più tetro, Liverpool. Ma sul piroscafo l’Inghilterra era finita: c’era già sentore di torba, dal bar e da sottocoperta venivano i suoni gutturali della parlata celtica, l’ordine sociale dell’Europa assumeva altre forme.


(Traduzione: Marianello Marianelli)


Potrebbero interessarti:
E. O'Brien

RAGAZZE NELLA FELICITÀ CONIUGALE

Non molto tempo fa, Kate Brady e io stavamo bevendo insieme un paio di malinconici gin fizz, su a Londra, lagnandoci del fatto che niente sarebbe mai cambiato, che saremmo morte così com’eravamo: con quel tanto che basta per mangiare, maritate con ...
J. London

LA PESTE SCARLATTA

Il sentiero correva lungo quello che un tempo era il terrapieno di una ferrovia. Ma non ci transitavano più treni ormai da molti anni. La foresta rimontava i versanti del terrapieno scavalcando il dosso, un’onda verde di alberi e di arbusti. Il ...
A. Dumas (padre)

IL CONTE DI MONTECRISTO

Il 24 febbraio 1815 la vedetta della Madonna della Guardia dette il segnale della nave a tre alberi il Faraone, che veniva da Smirne, Trieste e Napoli. Com’è d’uso, un pilota costiere partì subito dal porto, passò vicino al Castello d’If e salì ...
E. M. Forster

CAMERA CON VISTA

«La Signora non aveva diritto di farlo», disse Miss Bartlett, «assolutamente nessun diritto. Ci aveva promesso delle camere a Sud, con vista, vicine, e invece abbiamo due camere a Nord che danno sul cortile, e molto distanti l’una dall’altra. Oh ...
M. Atwood

IL RACCONTO DELL’ANCELLA

Si dormiva in quella che un tempo era la palestra. L’impiantito era di legno verniciato, con strisce e cerchi dipinti, per i giochi che vi si effettuavano in passato; i cerchi di ferro per il basket erano ancora appesi al muro, ma le reticelle erano ...
I. B. Singer

SHOSHA

Io venni educato sulla base di tre lingue morte – l’ebraico, l’aramaico e lo yiddish (che alcuni non considerano affatto una lingua) – e di una cultura che si sviluppò a Babilonia: il Talmùd. La cheder dove studiavo era un locale in cui il ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *