Aforisma

Washington Irving

Generazione dopo generazione, animali e vegetali muoiono, ma il principio vitale è sempre trasmesso alla posterità, e le specie continuano a germogliare. Così, anche ad un autore si succede un altro autore, e dopo aver fatto proseliti, quando raggiunge la vecchiaia, anche quest’ultimo se ne scende a dormire con i suoi padri, per così dire, gli autori che lo hanno preceduto… e da cui ha rubacchiato.


Potrebbero interessarti:

Naser-e Khosrow

Un libro pur avendo un solo dorso ha molti volti.

Gianrico Carofiglio

Le parole come minime dosi di arsenico, dall’effetto lentamente, inesorabilmente tossico: questo è il pericolo delle lingue del potere e dell’oppressione, e soprattutto del nostro uso – e riuso – inconsapevole e passivo. Per questo è necessaria ...

Daniel Pennac

Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere.

Fabio Stassi

Una volta, un bambino di Lampedusa mi ha detto che un libro può somigliare a tante cose: a un’isola, a una teiera, a una zattera. Ma che si apre sempre come un abbraccio.

Giorgio Manganelli

Il lettore di classici come tombarolo è una idea che mi diverte, anche perché restituisce al lavoro del lettore un che di illegale, che mi pare irrinunciabile.

Orazio

Con diverso nome, la storia parla di te.