Aforisma

Oscar Wilde

Eppure si possono avere antenati nella letteratura, oltre che nella propria stirpe, molti dei quali più vicini a noi, forse, per tipo e per temperamento, e certamente capaci di esercitare un’influenza di cui si è più profondamente consapevoli.


Potrebbero interessarti:

Andrea Camilleri

I libri nutrono come il pane.

Jean Webster

Tutto il giorno aspetto con ansia che arrivi finalmente la sera per poter mettere sulla porta della mia camera un cartello con la scritta “occupato”, infagottarmi nella mia bella vestaglia rossa, infilarmi le pantofole di pelo e sdraiarmi finalmente ...

Luigi Malerba

Il Non Lettore emergente è aggiornato con i tempi dell’industria, conoscitore di titoli e autori: quando entra in libreria «sa» perfettamente ciò che vuole e può comprare indifferentemente un libro rilegato o in brossura perché da questo ...

Jeffrey Eugenides

Non mi importa più di scrivere un libro importante, mi interessa soltanto di scriverne uno che, indipendentemente dai difetti, lasci una traccia della mia esistenza impossibile.

Umberto Eco

Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria! Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità ...

Corrado Augias

Insisto sul romanzo perché questo genere resta ancora oggi il più adatto a esprimere, attraverso una narrazione, sentimenti e vicende complesse.

I commenti sono chiusi.