Aforisma

Mauro Corona

Io leggo soprattutto per imparare. Per imparare la vita, per imparare come comportarmi, per educarmi, per essere meno aggressivo, per essere più pacifico. Visto che anche scrivo, leggo per imparare a scrivere. Naturalmente, come disse Borges, “vado più fiero di quello che ho letto che di quello che ho scritto”. Leggo soprattutto la notte, quanto tornano fantasmi, tornano rimorsi, tornano storie a graffiarmi, se non a scorticarmi. Quindi mi immergo in quel mondo lì anche per dimenticare che ci sono. Per imparare a vivere, per imparare a scrivere, per imparare a dimenticare. Insomma, leggere è una garza per me, una benda che mi fascia e che mi protegge le botte, gli ematomi e anche le ferite sanguinanti. Leggere è la mia farmacia.


Potrebbero interessarti:

Gianni Rodari

Sbagliando s’impara è un vecchio proverbio. Il nuovo potrebbe dire che sbagliando s’inventa.

Fabio Stassi

La lettura scatena nel nostro cervello una ininterrotta tempesta chimica: ci fa percepire il timbro delle voci dei protagonisti, ci allena a pensare per immagini, coinvolge tutte le nostre emozioni e perfeziona quel complesso sistema solare che ...

Paola Zannoner

Qualcuno ha detto che chi legge troppo tende a fantasticare e non a vivere la concretezza della realtà, ma c’è anche la campana di chi è convinto che chi non legge vive in modo superficiale, effimero, persino senza senso. Forse dipende dai libri ...

Joseph Conrad

Il compito che cerco di svolgere è, con il potere della parola scritta, farvi udire, farvi sentire: è, prima di tutto, farvi vedere. Questo, e nulla più: ed è tutto. Se riesco, troverete, a seconda dei vostri meriti, incoraggiamento, consolazione, ...

Joanne K. Rowling

Nel dubbio, vai in biblioteca.

Washington Irving

Generazione dopo generazione, animali e vegetali muoiono, ma il principio vitale è sempre trasmesso alla posterità, e le specie continuano a germogliare. Così, anche ad un autore si succede un altro autore, e dopo aver fatto proseliti, quando ...