Aforisma

Luigi Malerba

Il Non Lettore emergente è aggiornato con i tempi dell’industria, conoscitore di titoli e autori: quando entra in libreria «sa» perfettamente ciò che vuole e può comprare indifferentemente un libro rilegato o in brossura perché da questo investimento pretende assai più che l’arredamento di una parete del salotto. Egli è fortemente convinto che sia sufficiente comprare un libro, toccarlo, guardarlo, annusarlo, tenerlo in casa, per assimilare quel fluido saturo di fosforo e zolfo che va sotto il nome di cultura. Insomma questo Non Lettore aspira a essere un Quasi Intellettuale.


Potrebbero interessarti:

Federico García Lorca

La poesia richiede una lunga iniziazione, come qualsiasi sport, ma c’è nella vera poesia un profumo, un accento, un tratto luminoso che tutte le creature possono percepire. E voglia Iddio che vi serva per nutrire quel granello di pazzia che tutti ...

Mario Vargas Llosa

La letteratura crea una sorta di fratellanza all’interno della diversità umana ed eclissa le frontiere erette tra gli uomini e le donne dall’ignoranza, le ideologie, le religioni, le lingue e la stupidità.

Victor Hugo

Bisognerebbe moltiplicare le scuole, le cattedre, le biblioteche, i musei, i teatri, le librerie. Bisognerebbe moltiplicare i luoghi di studio per i bambini, i luoghi di lettura per gli uomini, tutte le organizzazioni, tutte le istituzioni in cui si ...

Giacomo Debenedetti

Si è portatori di cultura come si è portatori di certi bacilli, senza accorgersene, senza sentire il bisogno di mettersi il termometro.

Gianni Rodari

Sbagliando s’impara è un vecchio proverbio. Il nuovo potrebbe dire che sbagliando s’inventa.

Fabio Stassi

La lettura scatena nel nostro cervello una ininterrotta tempesta chimica: ci fa percepire il timbro delle voci dei protagonisti, ci allena a pensare per immagini, coinvolge tutte le nostre emozioni e perfeziona quel complesso sistema solare che ...