Aforisma

Luigi Malerba

Un ricco mercante protagonista di una favola araba si domandava quanti cavalli avrebbe dovuto possedere per raggiungere la felicità. A uno scrittore quanti lettori occorrono per essere felice? Ho sempre pensato che in cima ai desideri di chi scrive libri di narrativa ci sono cifre che appartengono più al regno della fantasia che a quello della editoria. Anche i più modesti minimalisti, gli infimi cronisti del privato e della camera senza vista non si vietano il sogno del best-seller, sogno ovviamente condiviso dagli editori, compresi quelli che pubblicano in edizioni numerate.


Potrebbero interessarti:

Mauro Corona

Io leggo soprattutto per imparare. Per imparare la vita, per imparare come comportarmi, per educarmi, per essere meno aggressivo, per essere più pacifico. Visto che anche scrivo, leggo per imparare a scrivere. Naturalmente, come disse Borges, “vado ...

Fabio Stassi

Se si considera quanto sia recente l’invenzione dell’alfabeto (cinquemila anni appena) e che non esiste nessun altro animale in natura capace di leggere, non c’è niente più di un libro aperto sulle gambe che affermi la nostra umanità.

Giorgio Manganelli

Fortunatamente, il lettore e il recensore godono del diritto di scagliare il libro fuori dalla finestra.

Paul Valéry

La lettura ci offre l’opportunità di conoscere e di condividere senza fatica innumerevoli destini straordinari, di provare sensazioni potenti per la mente, di vivere avventure prodigiose e senza conseguenze, di agire senza agire, di formulare infine ...

Andrea Camilleri

I libri nutrono come il pane.

Jean Webster

Tutto il giorno aspetto con ansia che arrivi finalmente la sera per poter mettere sulla porta della mia camera un cartello con la scritta “occupato”, infagottarmi nella mia bella vestaglia rossa, infilarmi le pantofole di pelo e sdraiarmi finalmente ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *