Aforisma

Luigi Malerba

Ancora oggi, dal punto di vista di chi si fa interprete della società borghese preoccupata di conservare la propria quiete, lo scrittore ideale è quello defunto. Lo scrittore defunto non disturba la società del conformismo, non discute, non dissente, non interviene. Finalmente tace. È un fantasma innocuo e silenzioso, e oltretutto non pretende diritti d’autore. Da vivo può essere ingombrante, ma come defunto è degno di considerazione e rispetto. Qualche volta di ammirazione sconsiderata.


Potrebbero interessarti:

Fabio Stassi

Se si considera quanto sia recente l’invenzione dell’alfabeto (cinquemila anni appena) e che non esiste nessun altro animale in natura capace di leggere, non c’è niente più di un libro aperto sulle gambe che affermi la nostra umanità.

Giorgio Manganelli

Fortunatamente, il lettore e il recensore godono del diritto di scagliare il libro fuori dalla finestra.

Paul Valéry

La lettura ci offre l’opportunità di conoscere e di condividere senza fatica innumerevoli destini straordinari, di provare sensazioni potenti per la mente, di vivere avventure prodigiose e senza conseguenze, di agire senza agire, di formulare infine ...

Andrea Camilleri

I libri nutrono come il pane.

Jean Webster

Tutto il giorno aspetto con ansia che arrivi finalmente la sera per poter mettere sulla porta della mia camera un cartello con la scritta “occupato”, infagottarmi nella mia bella vestaglia rossa, infilarmi le pantofole di pelo e sdraiarmi finalmente ...

Luigi Malerba

Il Non Lettore emergente è aggiornato con i tempi dell’industria, conoscitore di titoli e autori: quando entra in libreria «sa» perfettamente ciò che vuole e può comprare indifferentemente un libro rilegato o in brossura perché da questo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *