Aforisma

François Mauriac

Un autore in sé non è morale o immorale; sono le nostre disposizioni che decidono della sua influenza su di noi.


Potrebbero interessarti:

Luigi Malerba

Il Non Lettore emergente è aggiornato con i tempi dell’industria, conoscitore di titoli e autori: quando entra in libreria «sa» perfettamente ciò che vuole e può comprare indifferentemente un libro rilegato o in brossura perché da questo ...

Jeffrey Eugenides

Non mi importa più di scrivere un libro importante, mi interessa soltanto di scriverne uno che, indipendentemente dai difetti, lasci una traccia della mia esistenza impossibile.

Oscar Wilde

Eppure si possono avere antenati nella letteratura, oltre che nella propria stirpe, molti dei quali più vicini a noi, forse, per tipo e per temperamento, e certamente capaci di esercitare un’influenza di cui si è più profondamente consapevoli.

Umberto Eco

Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria! Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità ...

Corrado Augias

Insisto sul romanzo perché questo genere resta ancora oggi il più adatto a esprimere, attraverso una narrazione, sentimenti e vicende complesse.

Marguerite Yourcenar

Come chiunque altro, io non dispongo che di tre mezzi per valutare l’esistenza umana: lo studio di se stessi è il metodo più difficile, il più insidioso, ma anche il più fecondo; l’osservazione degli uomini, i quali nella maggior parte dei casi ...

3 risposte a “François Mauriac”

  1. A.MARIA P. ha detto:

    NON sono del tutto d’accordo – chi scrive si trova quasi sempre in una posizione di privilegio rispetto a chi legge, anche per il solo fatto d’aver scritto. Una volta scritto, il pensiero occupa spazio, lievita, vive di vita propria indipendentemente dal suo stesso autore – assomiglia ad un grido lanciato in una valle di echi ( trova rientranze, pertugi, risonanze insospettabili ) Chi scrive è armato, sempre, nei confronti di chi legge, perché il suo scritto è la conclusione di un percorso meditato, di un itinerario – Chi legge ha bisogno di tempo, deve cercarsi la strada e a volte, per timore di smarrirsi o di prendere la destinazione sbagliata, può anche accettare quanto l’ autore gli va proponendo

  2. L. Stofani ha detto:

    È vero che chi scrive ha già fatto un percorso di cui il testo non è che il punto d’arrivo, ma parallelamente anche il lettore avrà già compiuto un percorso tutto suo e, come dice Mauriac, saranno le sue disposizioni, le sue esperienze a stabilire il grado di influenza che le conclusioni altrui potranno avere su di lui.

  3. M. Pellegino ha detto:

    forse è come dice la Stofani – ciascuno fa la strada per conto suo, e si lascia convincere soltanto da ciò di cui è già intimamente convinto per suo conto ( magari senza neanche saperlo )
    L’ analisi di A. MARIA è troppo affrettata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *