Chiacchere d'autore

Giorgio ManganelliG. Manganelli

Il lettore di classici come tombarolo è una idea che mi diverte, anche perché restituisce al lavoro del lettore un che di illegale, che mi pare irrinunciabile.

Fortunatamente, il lettore e il recensore godono del diritto di scagliare il libro fuori dalla finestra.

Nella mia vita fin dall’infanzia ho sempre praticato il peccato di lussuria libraria. Ho amato i libri di amore passionale, poligamico, vizioso, incontinente, maniacale. Ho sedotto e stuprato libri. Ho abbandonato libri in stato interessante. Ho ucciso libri per gelosia, altri ho scelto per odio di altri libri che non volevano amarmi.