Micro recensione

M. Rigoni Stern

Sentieri sotto la neve

Stringata e tenera, sincera e diretta è la scrittura di Rigoni, il montanaro, il cacciatore, il soldato, l’uomo. Asiago è la sua terra, ne conosce ogni pascolo, sa le stagioni, parla con i crocieri, aspetta i caprioli, chiama per nome la neve. È lì che puntavano i suoi passi di ritorno dal Lager tedesco. Una raccolta di racconti sul silenzio della montagna, sulle tracce invisibili delle volpi, sulle cicatrici che lascia la guerra, sulla potenza fisica della memoria. Una scrittura che sa di nevischio e malga, uno scrittore da leggere e rileggere. Commovente.
È un libro affascinante, commovente, consigliato, introspettivo, italiano, malinconico

Generi: autobiografia, natura, racconto, storico
Editore: Einaudi
Anno: 1998
Pagine: 124

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —
Copertina Sentieri sotto la neve

Potrebbero interessarti:
Il mio amico Hitler

R

Y. Mishima

Il mio amico Hitler

È un libro affascinante, interessante, intrigante
Generi: dramma, politico, storico, teatro
Editore: Guanda
Anno: 1983
Pagine: 115
Traduzione: Lydia Origlia
Diario 1941-1943

R

E. Hillesum

Diario 1941-1943

È un libro commovente, intenso, introspettivo, necessario, potente, profondo
Generi: autobiografia, diaristica, formazione, guerra, Shoah
Editore: Adelphi
Anno: 2017
Pagine: 260
Traduzione: Chiara Passanti
Bartleby lo scrivano

R

H. Melville

Bartleby lo scrivano

È un libro capolavoro, classico, profondo, riflessivo
Generi: racconto
Editore: Einaudi
Anno: 2019
Pagine: 206, testo originale a fronte
Traduzione: Enzo Giachino
Undici solitudini

R

R. Yates

Undici solitudini

È un libro amaro, angosciante, malinconico
Generi: racconto, realismo
Editore: Bompiani
Anno: 1965
Pagine: 159
Traduzione: Mariù Lucioni
Nelle terre selvagge

R

G. Paulsen

Nelle terre selvagge

È un libro accattivante, educativo, introspettivo, stimolante
Generi: avventura, formazione, natura, ragazzi, romanzo
Editore: Piemme
Anno: 2014
Pagine: 213
Traduzione: Paolo Antonio Livorati
Età: da 12 anni

Un commento per "Sentieri sotto la neve"

  1. antonio ha detto:

    no, non è commovente, è doloroso! Mario Rigoni è un reduce, non dimentica mai d’esserlo. E come tutti i reduci ha bisogno di aggrapparsi perché vorrebbe dimenticare e non può. Mario Rigoni si è abbarbicato alla natura del suo altipiano, per ascoltare i suoni e la voce della vita minuta e silenziosa, per non sentire più tanto forte il fragoroso richiamo dei compagni che ha dovuto abbandonare e dei nemici che ha dovuto uccidere. Così fanno i reduci, che spesso scelgono il silenzio perché temono il rumore dei ricordi che continuano ad esplodere dentro la loro anima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *