Micro recensioni

Stai cercando un libro angosciante, amaro.
Abbiamo trovato 9 micro recensioni!
Undici solitudini

R

R. Yates

Undici solitudini

Undici solitudini
È un libro amaro, angosciante, malinconico, straniero
Generi: racconto, realismo
Editore: Bompiani
Anno: 1965
Pagine: 159
Traduzione: Mariù Lucioni
Anna

R

N. Ammaniti

Anna

Anna
È un libro amaro, angosciante, avvincente, coinvolgente, crudo, drammatico, intenso, italiano
Generi: distopico, formazione, romanzo
Editore: Einaudi
Anno: 2015
Pagine: 284
Uomini e topi

R

J. Steinbeck

Uomini e topi

Uomini e topi
È un libro amaro, angosciante, coinvolgente, commovente, drammatico, intenso, straniero, toccante
Generi: romanzo, sociale, storico
Editore: Bompiani
Anno: 2012
Pagine: 132
Traduzione: Cesare Pavese

La donna che sbatteva nelle porte

R

R. Doyle

La donna che sbatteva nelle porte

La donna che sbatteva nelle porte
È un libro amaro, angosciante, crudo, drammatico, duro, straniero, teso
Generi: formazione, realismo, romanzo
Editore: Guanda
Anno:  2007
Pagine:  233
Traduzione:  Giuliana Zeuli
Ragazzi di vita

R

P. P. Pasolini

Ragazzi di vita

Ragazzi di vita
È un libro amaro, angosciante, classico, crudo, difficile, drammatico, duro, italiano
Generi: formazione, realismo, romanzo, sociale, storico
Editore: Garzanti
Anno: 1994
Pagine: 246

Ethan Frome

R

E. Wharton

Ethan Frome

Ethan Frome
È un libro amaro, angosciante, commovente, delicato, imperdibile, introspettivo, malinconico, straniero, toccante
Generi: formazione, romanzo, storico
Editore: BUR
Anno: 2008
Pagine: 145
Traduzione: Greti Ducci

Bijou

R

P. Modiano

Bijou

Bijou
È un libro amaro, angosciante, commovente, drammatico, malinconico, straniero
Generi: formazione, romanzo
Editore: Einaudi
Anno: 2005
Pagine: 125
Traduzione: Irene Babboni

Memorie dal sottosuolo

R

F. Dostoevskij

Memorie dal sottosuolo

Memorie dal sottosuolo
È un libro amaro, angosciante, difficile, impegnativo, straniero
Generi: esistenzialista, filosofico, romanzo
Editore: Mondadori
Anno: 1987
Pagine: 166
Traduzione:  Igor Sibaldi