- E. Vittorini

L’inverno del ’44 è stato a Milano il più mite che si sia avuto da un quarto di secolo; nebbia quasi mai, neve mai, pioggia non più da novembre, e non una nuvola per mesi; tutto il giorno sole. Spuntava il giorno e spuntava il sole; cadeva il giorno e se ne andava il sole. Il libraio ambulante di Porta Venezia diceva: “Questo è l’inverno più mite che abbiamo avuto da un quarto di secolo. È dal 1908 che non avevamo un inverno così mite”.

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • JACK FRUSCIANTE È USCITO DAL GRUPPOJACK FRUSCIANTE È USCITO DAL GRUPPO presto sarebbe volato via pure quello stupido febbraio e il vecchio Alex si sentiva profondamente infelice ma in modo distaccato come se la sua vita appartenesse - sensazione fin troppo […]
  • DOMANI NELLA BATTAGLIA PENSA A MEDOMANI NELLA BATTAGLIA PENSA A ME Nessuno pensa mai che potrebbe ritrovarsi con una morta tra le braccia e non rivedere mai più il viso di cui ricorda il nome. Nessuno pensa mai che qualcuno possa morire nel momento più […]
  • VIAGGIO IN PARADISOVIAGGIO IN PARADISO Stavo morendo, e lo sapevo. Respiravo con difficoltà a lunghi intervalli, e tutti erano intorno al letto, immobili, silenziosi, attendendo che me ne andassi. Di tanto in tanto parlavano; […]
  • MERIDIANO DI SANGUEMERIDIANO DI SANGUE Eccolo, il ragazzino. È pallido e magro, indossa una camicia di lino lisa e sbrindellata. Attizza il fuoco nel retrocucina. Fuori si stendono campi arati, scuri e cosparsi di chiazze di […]
  • LA CARICA DEI 101LA CARICA DEI 101 Non molto tempo fa viveva a Londra una giovane coppia di cani dalmata, Pongo e Missis. Pongo e Missis avevano la fortuna di “possedere” una giovane coppia di sposini, il signore e la […]
  • IL CASTELLOIL CASTELLO Era tarda sera quando K. arrivò. Il paese era affondato nella neve. La collina non si vedeva, nebbia e tenebre la nascondevano, e non il più fioco raggio di luce indicava il grande […]
  • IL FIGLIO DEL DIO DEL TUONOIL FIGLIO DEL DIO DEL TUONO Il cielo dei Finnici è un immenso coperchio trapunto di stelle, posato sul perno del mondo, con la stella polare allo zenit. Là regnano i loro dèi e gli spiriti, là abitano i Finnici buoni […]
  • LA SAGGEZZA NEL SANGUELA SAGGEZZA NEL SANGUE Hazel Motes sporgeva rigidamente il busto dal sedile di felpa verde, guardando un minuto verso il finestrino come se avesse una mezza voglia di saltar giù dal treno, e un minuto dopo in […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*