P. S. BUCK, La buona terra

Buona terra, La Quando il contadino Wang Lung sposa la schiava O-Lan non immagina che la sua vita sarà baciata dalla più grande fortuna e schiacciata dalla più grande miseria. In una Cina in cui la ricchezza viene dalla terra e i contadini sono sfruttati alla fame, Wang Lung dovrà difendere la sua famiglia e la sua buona terra da siccità, inondazioni, ambizione e da se stesso. Un romanzo che presenta con schiettezza e maestria il progressivo abbandono dei campi, l’importanza di apparire agli occhi della società, la condizione della donna. Crudo e potente.

Leggi tutto →

novembre 17, 2017   Nessun commento

R. BACH, Nessun luogo è lontano

Nessun luogo è lontano Richard Bach è l’uomo del volo, l’aviatore, il pilota acrobatico, il padre del gabbiano Jonathan Livingston. Il cielo è il suo spazio di ricerca, ciò che lo spinge sempre più su, che gli permette di dialogare con gli uccelli che solcano le nubi; sono loro che ancora dopo tanti anni gli ricordano che c’è sempre un’altra prospettiva da cui osservare il mondo. Un racconto brevissimo ma ricco di suggestioni, di spunti di riflessione, di dolcezza. Uno stile semplice che fa respirare più profondamente. Toccante.

Leggi tutto →

novembre 10, 2017   1 commento

A. E S. GOLON, Angelica, la marchesa degli Angeli

Angelica, la marchesa degli Angeli Francia, 1600. Tra i figli del piccolo nobile di provincia Sancé di Monteloup spicca Angelica, bellissima e indocile che lentamente e dolorosamente scopre il mondo interpretando a suo modo brandelli di notizie. Quasi inconsapevole, Angelica impara ad essere donna, a non giudicare dalla bellezza, a piegarsi all’altrui volontà senza perdere la propria, rimanendo invischiata, suo malgrado, in pericolosi intrighi di corte. Un percorso accidentato di crescita, una prosa non sempre scorrevole, spesso più didascalica che narrativa. Interessante.

Leggi tutto →

novembre 4, 2017   Nessun commento

W. IRVING, La leggenda di Sleepy Hollow

Leggenda di Sleepy Hollow, La Washington Irving era un appassionato di leggende, miti locali, storie tramandate davanti al fuoco. Nella sua raccolta più famosa si trova la leggenda di Sleepy Hollow, che narra di un giovane maestro, Ichabod Crane, affascinato dal terrore e dal mistero delle vecchie storie tanto da rimanerne invischiato: una notte incontra un cavaliere proveniente dall’Assia alla ricerca della sua testa perduta… Un racconto ricco di ironia e trapunto di dettagliate descrizioni di luoghi e costumi del tempo. Simpatico.

Leggi tutto →

ottobre 30, 2017   Nessun commento

D. SOLSTAD, Romanzo 11, libro 18

Romanzo 11, libro 18 Bjørn Hansen abbandona moglie e figlio, lascia l’impiego al Ministero, segue l’eccentrica amante in un’altra città, diventa esattore comunale, comincia a recitare in musical di provincia e dopo quattordici anni lascia anche l’amante. Ogni sua mossa pare dettata dal caso, fino a quando non decide di esprimere il proprio rifiuto con una scelta irreversibile, un gioco che solo il tossico dottor Schiøtz è in grado di attuare… Un romanzo esistenzialista, che con cinica ironia indaga in profondità le debolezze umane. Vertigini oscure.

Leggi tutto →

agosto 11, 2017   Nessun commento

W. GOLDMAN, La principessa sposa

Principessa sposa, La Mr Goldman ha un bellissimo ricordo de La principessa sposa, il romanzo che suo padre gli lesse a dieci anni, ma quando ormai adulto riesce a ripescarlo scopre i sapienti tagli della lettura paterna al testo originale. Decide allora di riscriverlo davvero per eliminare le parti “noiose” in favore dell’avventura: rapimenti, fughe, duelli, omicidi, intrighi, macchine di morte, miracoli, vendette e un grande amore. Un romanzo nel romanzo, ironico e brillante, una storia fantastica dal ritmo mozzafiato accompagnata dai sornioni commenti dell’autore. Geniale.

Leggi tutto →

agosto 4, 2017   Nessun commento

J. VILLORO, Chiamate da Amsterdam

Chiamate da Amsterdam Dieci anni di matrimonio consumati alla cieca, credendo di conoscere e capire. Quando Juan Jesùs si trova solo, avvolto nei ricordi amari, nelle domande mai fatte, nelle incomprensioni mai sciolte, Amsterdam, la mèta tanto sognata, diventa un angolo reale dell’immaginazione, da cui può ancora sperare di raggiungere Nuria. La storia di un amore che soccombe alle circostanze, che si lascia plasmare da fantasticherie e silenzi, come la prosa che segue il naufragio lento delle sensazioni del protagonista. Interessante.

Leggi tutto →

luglio 1, 2017   Nessun commento