C. BRONTË, Villette

Villette Non ha avuto una vita felice Lucy Snowe, rimasta sola e bisognosa di lavorare per guadagnarsi un posto nella rigida società inglese dell’Ottocento. Raccolto il suo coraggio, attraversa la Manica giungendo nella cittadina di Villette, dove comincia ad insegnare in un collegio femminile e dove molte prove la attendono, tra vecchie e nuove conoscenze. Un romanzo d’eccellenza in cui lo stile introspettivo della Brontë si fa più lucido che mai, in un alternarsi di riflessioni, ironia e velato cinismo, arricchito da articolate similitudini. Memorabile.

Leggi tutto →

Categorie: formazione, romanzo

agosto 12, 2016   Nessun commento

A. MERINI, Il tormento delle figure

Tormento delle figure, Il 2 Alda Merini, la poetessa tormentata, la donna dello scandalo e della pazzia, racconta senza falso pudore le sue esperienze amorose e i numerosi amanti: prose brevissime che sono inni all’amore carnale, come bisogno dell’altro per vivere con se stessi, ma anche all’amore platonico, spirituale, che travolge fino al limite, che coinvolge anche i sensi. Una scrittura che riflette la vita in bilico della Merini: scandalosa, profonda, cruda, vera, viva, complessa, sensuale, erotica, violenta, autodistruttiva. Intenso.

Leggi tutto →

luglio 1, 2016   Nessun commento

S. KING, L’ultimo cavaliere

Ultimo Cavaliere, L' Il pistolero, ultimo della sua gente, ha un unico scopo: raggiungere l’uomo in nero per scoprire il mistero della Torre. Attraverso un mondo “altro”, piagato da una catastrofe e ricaduto nella legge del più forte e nella magia, dentro città, sopra deserti, sotto montagne, l’inseguimento si trasforma in una lotta contro i tranelli della mente, propria e altrui. Un romanzo spettacolare, un’alternanza unica di svolte e flashback, una storia che sa unire fantasy, filosofia, crudeltà e vecchio west. Memorabile.

Leggi tutto →

giugno 24, 2016   Nessun commento

J. ECHENOZ, Ravel

Ravel Maurice Ravel: compositore, pianista, direttore d’orchestra, uomo insonne, introverso, solo. Echenoz racconta gli ultimi dieci anni della vita di Ravel, dalla tournée negli Stati Uniti alla malattia e la morte, mostrando il genio e la disperazione di un uomo che si difende con fredda cortesia dal plauso del mondo, barricandosi dietro eleganza e raffinatezza e muovendosi leggero intorno alla propria musica. Una scrittura asciutta, talvolta aneddotica ma mai arida, narra con delicatezza e affetto, ironia e complicità l’apice e il declino di un uomo. Memorabile.

Leggi tutto →

maggio 27, 2016   Nessun commento

J. RHYS, Il grande mare dei Sargassi

Grande mare dei Sargassi, Il Nella Giamaica postcoloniale la piccola Antoinette, figlia creola di un possidente bianco, assiste al disfacimento della sua famiglia: la morte del padre, la perdita delle sostanze, la cieca furia razziale, la follia materna. Neanche il matrimonio con un giovane inglese può salvarla dal suo destino di sofferenza e odio. Un ambiente opprimente e crudele, una vita di incomprensioni e vuoti incolmabili narrati con maestria in uno stile teso e crudo. Memorabile.

Leggi tutto →

Categorie: formazione, romanzo

agosto 8, 2014   Nessun commento