E. BRIZZI, Jack Frusciante è uscito dal gruppo

jack-frusciante-e-uscito-dal-gruppo-1 Alex ha diciassette anni, una famiglia medio borghese che non lo capisce, un rendimento mediocre a scuola e la testa piena di idee abbozzate, letture, musica e film mescolati come in un grande calderone. Poi incontra Adelaide, fantastica e diversa, che ha già fissato degli obiettivi di vita e che lo ascolta senza giudicare. Questo romanzo breve divenuto emblema di una generazione racconta la corsa verso la maturità, in un percorso accidentato fatto di cadute e ostacoli, scritto nel gergo giovanile degli anni Novanta. Particolare.

Leggi tutto →

novembre 5, 2016   Nessun commento

A. BARICCO, Tre volte all’alba

Tre volte all'alba

Tre storie diverse, di tre incontri diversi, tra due persone diverse, in tre albe diverse. Eppure, in un certo senso, la stessa storia, dello stesso incontro, tra le stesse due persone, nella stessa alba. Un libro strano, un modo alternativo e non sempre lineare di riflettere sui temi del cambiamento, del significato di ogni giorno, delle relazioni umane. Una scrittura arzigogolata e mai fluida, che procede a singhiozzo perdendo, così, di forza e profondità. Non il migliore testo di Baricco. Faticoso.

Leggi tutto →

maggio 20, 2016   Nessun commento

S. MEYER, Twilight

Twilight Bella Swann è costretta a trasferirsi da suo padre nella fredda e uggiosa cittadina di Forks dove sembra non succedere mai niente. Poi, però, incontra Edward Cullen, un compagno di scuola bellissimo e misterioso, che pare odiarla senza motivo. A piccoli, incerti passi riesce ad avvicinarlo e a scoprire il suo segreto: Edward è un vampiro. Un romanzo basato su una serie di cliché della letteratura per adolescenti, tuttavia scorrevole e decisamente non impegnativo.

Leggi tutto →

febbraio 13, 2016   Nessun commento

P. O'BRIAN, Costa sottovento

Costa sottovento Secondo romanzo del ciclo di Aubrey e Maturin. Periodo sfortunato per il capitano Jack Aubrey: la guerra contro Napoleone sembra finita, la promozione tarda ad arrivare, il suo agente dichiara bancarotta e non ci sono comandi disponibili. Per non parlare poi dei problemi sentimentali e dei disaccordi con l’amico di sempre, che nasconde più di quanto voglia ammettere. Un romanzo lento che fatica ad ingranare, una storia che procede a balzi e riesce a coinvolgere solo a tratti. Modesto.

Leggi tutto →

agosto 7, 2015   Nessun commento

A. SOW FALL, La solitudine di Mour che aveva due mogli

EPSON MFP image

In una Dakar contemporanea, in bilico fra tradizioni culturali e progresso, al direttore del servizio di igiene pubblica Mour Ndiaye viene affidato il compito di eliminare definitivamente la piaga dei mendicanti che ostacola il fiorire del turismo. L’ambizione politica, però, si scontra presto con i precetti religiosi dei marabut che impongono l’obbligo dell’elemosina. Un uomo inetto in balia degli eventi raccontato con uno stile senza sfumature, un conflitto profondo che scivola rapido in un pugno di pagine. Modesto.

Leggi tutto →

giugno 5, 2015   Nessun commento

S. BENNI, Ballate

Ballate Leggere poesia oggi è raro e controcorrente. Scrivere poesia oggi è, non solo raro e controcorrente, ma un vero e proprio azzardo. Stefano Benni ci prova con una serie di ballate, canzoni, motti e filastrocche di diversa lunghezza e intensità sui più svariati argomenti. Poesie leggere o filosofiche, retoriche o satiriche, articolate o sciocche, alcune riuscite ma altre, ahimè, ben lontane dall’esserlo. Divertente nel complesso, ma decisamente Benni è più versato nella prosa.

Leggi tutto →

Categorie: poesia

marzo 20, 2015   Nessun commento

S. CASATI MODIGNANI, Palazzo Sogliano

Palazzo Sogliano Il capo di una delle più importanti famiglie di corallari di Torre del Greco muore improvvisamente lasciando madre, moglie e figli, ma soprattutto un’attività e una reputazione che l’avevano reso famoso in tutto il mondo. Con la sua scomparsa vengono alla luce storie e segreti che cambieranno la vita di molti. Un racconto piatto, senza sfumature o introspezione, privo di emozioni, con personaggi scialbi e sbozzati e dialoghi freddi e falsi. Non c’è analisi o studio dei caratteri, solo un accumularsi di aneddoti. Inconsistente e faticoso.

Leggi tutto →

febbraio 13, 2015   3 commenti