E. WIESEL, La notte

Notte, La Attesa. Incoscienza. Leggerezza. Poi paura, crudeltà, orrore, speranza, dolore, rabbia, senso di colpa, indifferenza e infine più niente. Solo una lunga notte dell’anima. In un pugno di pagine Elie Wiesel ripercorre la sua storia dalla piccola città rumena della sua infanzia, dove la comunità ebrea sottovalutò i segnali di pericolo, ai treni che li portarono nei campi, fino all’ultima, mostruosa marcia di morte. Una testimonianza netta, che scortica le certezze e pone domande dure e rabbiose: perché? come? ma soprattutto: dov’era Dio? Indispensabile.

Leggi tutto →

gennaio 26, 2018   1 commento

J. STEINBECK, Furore

Furore Nell’America degli anni ‘30, il crollo dell’economia e una grave siccità colpiscono gli stati agricoli dell’est, spingendo i mezzadri, espropriati e affamati, a cercare lavoro negli stati dell’Ovest. Caricati i pochi averi su un catorcio di fortuna, anche la famiglia Joad parte verso il miraggio di una California ricca dove ricominciare. Attorno a loro, però, si assiepano migliaia di migranti come loro costretti alle azioni più turpi per poter mangiare, sfruttati nella loro disperazione, odiati e temuti. Il romanzo che ha saputo narrare la Grande Depressione in tutta la sua indifferente e bieca ferocia. Capolavoro.

Leggi tutto →

gennaio 12, 2018   Nessun commento

I. CALVINO, Le città invisibili

Le città invisibili Il potente Kublai Kan ascolta sempre volentieri Marco Polo quando, al ritorno dai suoi viaggi, racconta le meraviglie viste: città dagli esotici nomi di donna, costruite nelle più svariate fogge, fondate su incredibili commerci, intessute sui fili colorati delle relazioni, edificate su cumuli di spazzatura o su sottili colonne… Un viaggio all’interno della mente umana attraverso le mille sfaccettature urbane, un canto d’amore alle città, malinconico e multiforme, fatto di piccole istantanee della viva molteplicità delle genti. Imprescindibile.

Leggi tutto →

febbraio 6, 2015   Nessun commento

D. BUZZATI, Il deserto dei Tartari

Deserto dei Tartari, Il Nominato ufficiale, Giovanni Drogo viene destinato alla Fortezza Bastiani, una piazzaforte di confine costruita per difendere il paese dagli antichi nemici Tartari. In realtà, la vita nella Fortezza si rivela ripetitiva e priva di sorprese, cullata dalla speranza disillusa e dalla solitudine sempre più familiare. Buzzati sa rendere con una scrittura precisa e chiara il tranquillo seppur incalzante passare del tempo. Imprescindibile.

Leggi tutto →

novembre 21, 2014   Nessun commento

M. AIME, La macchia della razza

Macchia della razza, La Siamo davvero convinti di essere immuni dal razzismo? Non è possibile che la storia di ieri si ripeta oggi? L’intolleranza razziale non si è esaurita con gli eccidi della Seconda Guerra Mondiale ma esiste oggi più che mai nei nostri rapporti quotidiani con gli “altri”. Un libro breve ma potente che con concetti crudi e semplicissimi schiaffeggia la codarda ipocrisia del lettore. Aspro ma imprescindibile.

Leggi tutto →

Categorie: saggio, Shoah, sociale

gennaio 24, 2014   2 commenti