F. CAMON, Il canto delle balene

Canto delle balene, Il Gli umani sono assai difficili da comprendere, ma quando l’umano in questione è tua moglie il disagio diventa drammatico. Anni di analisi, pagata dal marito, non sono serviti ad altro che a creare due mondi completamente separati, uno fatto di troppe parole e uno di arresi silenzi; almeno fino al giorno in cui lui scopre la perversità della psicanalisi e decide che è il momento di rivedere le scelte del passato. Un breve romanzo gustosissimo, amaramente ironico ed esilarante, con scambi di batture da cabaret. Brillante.

Leggi tutto →

Categorie: formazione, romanzo

settembre 8, 2017   Nessun commento

W. GOLDMAN, La principessa sposa

Principessa sposa, La Mr Goldman ha un bellissimo ricordo de La principessa sposa, il romanzo che suo padre gli lesse a dieci anni, ma quando ormai adulto riesce a ripescarlo scopre i sapienti tagli della lettura paterna al testo originale. Decide allora di riscriverlo davvero per eliminare le parti “noiose” in favore dell’avventura: rapimenti, fughe, duelli, omicidi, intrighi, macchine di morte, miracoli, vendette e un grande amore. Un romanzo nel romanzo, ironico e brillante, una storia fantastica dal ritmo mozzafiato accompagnata dai sornioni commenti dell’autore. Geniale.

Leggi tutto →

agosto 4, 2017   Nessun commento

W. SHAKESPEARE, Molto rumore per nulla

Molto rumore per nulla Nella calda Messina shakespeariana, complessi intrighi ingarbugliano la vita del governatore Leonato e della sua famiglia: proposte di matrimonio mascherate, ronde notturne, trame di potere, segreti incontri amorosi, false testimonianze, falsi matrimoni, falsi funerali, e su tutto i continui battibecchi tra Beatrice e Benedetto che sembrano non poter stare né vicini né lontani. Una commedia degli equivoci che con brio e arguzia mette in scena intrecci di passioni umane. Esilarante.

Leggi tutto →

febbraio 24, 2017   Nessun commento

O. WILDE, L’importanza di chiamarsi Ernesto

importanza-di-chiamarsi-ernesto-l Un ritratto cinico e sprezzante ma anche comico e affettuoso dell’alta società inglese di fine Ottocento: l’orfano Jack Worthing finge di chiamarsi Ernest per conquistare la bella Gwendolen, convinta di poter amare solo un uomo di nome Ernest. Nel frattempo Algernon Moncrieff si fa passare per un altro Ernest con la giovane Cecily, pupilla di Jack. Una commedia degli equivoci, “frivola per gente seria”, costruita con andamento aforistico, spassosa e brillante, che riesce a mettere a nudo la superficialità e l’ossessione per l’apparenza di un’intera epoca. Geniale.

Leggi tutto →

Categorie: satira, sociale, teatro

novembre 25, 2016   Nessun commento

T. STOPPARD, Rosencrantz e Guildenstern sono morti

Rosencrantz e Guildenstern sono morti I gentiluomini Rosencrantz e Guildenstern sono convocati alla corte di Danimarca per scoprire cosa affligga Amleto. I due, senza riuscire a comprendere la situazione e incerti sulla loro stessa identità, si pongono domande filosofiche con una leggerezza e un’angoscia paradossali. Un’opera teatrale che accompagna ironia tragicomica con riflessioni illuminanti, in un esilarante carosello di dubbi, ripetizioni, domande senza risposta e risposte senza domanda. Brillante.

Leggi tutto →

agosto 19, 2016   Nessun commento

I. SANSOM, Che cosa è successo a Mr. Dixon?

Che cose è successo a Mr. Dixon Ancora guai per Israel Armstrong, goffo e paranoico bibliotecario ebreo di Londra trapiantato in Irlanda del Nord: questa volta è sospettato del rapimento di Mr. Dixon, uomo d’affari di Tundrum, e del furto dei suoi beni. In fuga dalla polizia, impacciato e nevrotico, dovrà scovare la verità a bordo della biblioteca ambulante. Un romanzo spassoso, con trovate comiche e satiriche e un protagonista indimenticabile, antieroe pieno di paturnie e dubbi a cui è impossibile non affezionarsi. Esilarante.

Leggi tutto →

luglio 16, 2016   Nessun commento

G. B. SHAW, Pigmalione

Pigmalione Henry Higgins, intrattabile professore di fonetica della buona società inglese, scommette di riuscire a trasformare la povera e rozza fioraia Eliza Doolittle in una dama raffinata dalla pronuncia impeccabile. L’ostinazione di lei e l’irascibilità di lui non faranno che scontrarsi nel corso delle lezioni fino alla completa rottura. Un’opera teatrale vivida, con personaggi memorabili e ben costruiti, battute straordinarie che vanno dalla polemica alla comicità, toccando temi come la discriminazione sociale e l’emancipazione della donna. Un grande classico.

Leggi tutto →

giugno 17, 2016   Nessun commento