Susanna Tamaro

Leggere, in fondo, non vuol dire altro che creare un piccolo giardino all’interno della nostra memoria. Ogni bel libro porta qualche elemento, un’aiuola, un viale, una panchina sulla quale riposarsi quando si è stanchi. Anno dopo anno, lettura dopo lettura, il giardino si trasforma in parco e, in questo parco, può capitare di trovarci qualcun altro.

tamaro-susanna

Categorie: Aforismi

Ti potrebbero interessare

  • Franz KafkaFranz Kafka Non si riuscirà mai a far capire a un ragazzo che, la sera, è nel bel mezzo di una storia avvincente, non si riuscirà mai a fargli capire, con una dimostrazione limitata a lui stesso, che […]
  • Italo CalvinoItalo Calvino L’universo esprimerà se stesso fintanto che qualcuno potrà dire: “Io leggo dunque esso scrive”.
  • Antonio FaetiAntonio Faeti Se è letta da giovanissimi, l’avventura prepara alla vita, anzi insegna che la vita può e deve essere affrontata come un’avventura, e allora si può sperare di far scomparire un male […]
  • Gianni RodariGianni Rodari «Tutti gli usi della parola a tutti» mi sembra un bel motto, dal bel suono democratico. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo.
  • Annie FrançoisAnnie François Il lettore in apnea è imprevedibile: un bacetto sul collo può farlo saltare fino al soffitto. È un asociale, solitario, una sorta di autistico. Provatevi a impedirgli di finire il […]
  • Emily DickinsonEmily Dickinson Non c’è vascello che eguagli un libro per portarci in terre lontane né corsieri che eguaglino una pagina di scalpitante poesia – è un viaggio che anche il più povero può fare senza […]
  • Miroslav Krleža Sono già diciotto milioni di anni che camminiamo sulle zampe posteriori e siamo ancora quasi tutti quadrupedi! E cosa vuol dire saper leggere e scrivere se scriviamo già da cinquantamila […]
  • Stéphane Mallarmé Il mondo è fatto per finire in un bel libro.

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*