- S. King

Jack Torrence pensò: Piccolo stronzo intrigante.
Ullman era alto poco più di un metro e sessanta, e quando si muoveva aveva la rapidità scattante che sembra essere peculiare a tutti gli ometti grassocci. Aveva i capelli spartiti da una scriminatura impeccabile, e il completo scuro era sobrio, ma non severo. Sono un uomo al quale potete tranquillamente esporre i vostri problemi, diceva quel completo alla clientela solvente. Al personale stipendiato parlava invece in modo più sbrigativo: sarà meglio che filiate diritto, voialtri.

(Traduzione: Adriana Dell’Orto)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • IL BUIO OLTRE LA SIEPEIL BUIO OLTRE LA SIEPE Jem, mio fratello, aveva quasi tredici anni all’epoca in cui si ruppe malamente il gomito sinistro. Quando guarì e gli passarono i timori di dover smettere di giocare a football, Jem non […]
  • I PIRATI DELLA MALESIAI PIRATI DELLA MALESIA «Mastro Bill, dove siamo?» «In piena Malesia, mio caro Kammamuri.» «Ci vorrà molto tempo, prima di arrivare a destinazione?» «Birbone, ti annoi forse?» «Annoiarmi no, ma ho molta […]
  • DELITTO E CASTIGODELITTO E CASTIGO Al principio di luglio, con tempo caldissimo, verso sera, un giovane scese dalla sua stanzuccia, che aveva in subaffitto nel vicolo di S., sulla strada e lentamente, come irresoluto, si […]
  • FOLLIAFOLLIA Le storie d’amore catastrofiche contraddistinte da ossessione sessuale sono un mio interesse professionale ormai da molti anni. Si tratta di relazioni la cui durata e la cui intensità […]
  • James Stephens Vide una stanza quadrata che doveva essere una biblioteca. Le pareti che riusciva a vedere dal suo punto di osservazione erano tappezzate di libri dal pavimento al soffitto. C’erano volumi […]
  • LA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORELA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE Una sera di primavera dell’anno 1934 un signore di età matura scese gli scalini di pietra che da uno dei ponti della Senna conducono alle rive del fiume. Là sono soliti dormire, o meglio […]
  • MARGHERITA DOLCEVITAMARGHERITA DOLCEVITA Sono andata a letto e le stelle non c’erano più. Ho pulito per bene il vetro della finestra, ma niente da fare. Erano sparite. Era sparita Sirio e Venere e Carmilla e Altazor. E anche Mab […]
  • BIPLANOBIPLANO È come la sera della «prima» di una nuova vita, solo che è giorno, e al posto del sipario di velluto che si apre maestoso ci sono le porte di lamiera ondulata dell'hangar, che stridono […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*