, Sentieri sotto la neve

Sentieri sotto la neve Stringata e tenera, sincera e diretta è la scrittura di Rigoni, il montanaro, il cacciatore, il soldato, l’uomo. Asiago è la sua terra, ne conosce ogni pascolo, sa le stagioni, parla con i crocieri, aspetta i caprioli, chiama per nome la neve. È lì che puntavano i suoi passi di ritorno dal Lager tedesco. Una raccolta di racconti sul silenzio della montagna, sulle tracce invisibili delle volpi, sulle cicatrici che lascia la guerra, sulla potenza fisica della memoria. Una scrittura che sa di nevischio e malga, uno scrittore da leggere e rileggere. Commovente.

Editore: Einaudi
Anno: 1998
Pagine: 124

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • Bijou Una donna ferita e piena di paure, cresciuta e abbandonata da una madre estranea che la considerava alla stregua di un simpatico ma inutile animaletto da compagnia, fino ad imporle […]
  • Inverni lontaniInverni lontani È ormai vecchio, il sergente Mario. Così tanto gli si è accumulato sulle sue spalle e gli ha scavato dentro. Sulle sue montagne, ora, guarda la neve dell’inverno scendere e coprire […]
  • Storia di IreneStoria di Irene Su una piccola isola greca uno scrittore, raccoglitore e aedo di storie, incontra Irene, quattordici anni, orfana e incinta. La sua vita si divide tra le giornate trascorse sulla […]
  • I compagni sconosciuti A Vienna, il giovane Franco, malato e forse ricercato, in balia della paura e dell’incoscienza, pensa di farla finita gettandosi da un ponte. Il desiderio di trovare qualcosa per […]
  • Bàrnabo delle montagne Bàrnabo è un guardiaboschi. Ama le sue montagne, i ghiaioni, le crode, il bosco e la vecchia Polveriera (un cadente deposito munizioni), ma quando i briganti arrivano in zona e […]
  • La leggenda del santo bevitore La vita di Andreas, immigrato senzatetto e ubriacone, cambia improvvisamente una sera, quando un gentiluomo sconosciuto gli chiede un insolito favore: accettare duecento franchi in […]
  • Il silenzio del mareIl silenzio del mare 1940, la Germania invade la Francia. Un uomo e sua nipote sono costretti ad ospitare l’ufficiale Werner von Ebrennac, colto, educato, amante della musica ma pur sempre nemico. Ogni […]
  • VilletteVillette Non ha avuto una vita felice Lucy Snowe, rimasta sola e bisognosa di lavorare per guadagnarsi un posto nella rigida società inglese dell’Ottocento. Raccolto il suo coraggio, […]

1 commento

1 antonio [ 10.02.17 - 10:35 ]

no, non è commovente, è doloroso! Mario Rigoni è un reduce, non dimentica mai d’esserlo. E come tutti i reduci ha bisogno di aggrapparsi perché vorrebbe dimenticare e non può. Mario Rigoni si è abbarbicato alla natura del suo altipiano, per ascoltare i suoni e la voce della vita minuta e silenziosa, per non sentire più tanto forte il fragoroso richiamo dei compagni che ha dovuto abbandonare e dei nemici che ha dovuto uccidere. Così fanno i reduci, che spesso scelgono il silenzio perché temono il rumore dei ricordi che continuano ad esplodere dentro la loro anima

Lascia un commento

*