, Scritto sul corpo

Scritto sul corpo

Leeds, Inghilterra anni ’50. Un giovanissimo Alan Bennett studia il proprio corpo adolescente alla ricerca di un indizio di pubertà, confrontandolo con quello già maturo dei compagni. Il marchio dell’eterna infanzia si stampa su di lui come una condanna, portandolo ad interrogarsi di continuo su se stesso, la propria sessualità, il proprio posto nel mondo. Una riflessione sul rapporto tra fisico e mente, la scoperta dell’omosessualità raccontata con l’umorismo carico di amarezza tipico dell’autore. Breve e intenso.

Editore: Adelphi
Anno: 2006
Pagine: 57
Traduzione: Davide Tortorella

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • Lo straniero Il signor Meursault è incapace di provare emozioni: al funerale della madre non riesce a piangere, la bella Maria gli ispira mero desiderio carnale e non sa come dare conforto a […]
  • Bijou Una donna ferita e piena di paure, cresciuta e abbandonata da una madre estranea che la considerava alla stregua di un simpatico ma inutile animaletto da compagnia, fino ad imporle […]
  • L’esca Protagonista è un ebreo serbo emigrato in Canada per fuggire alla guerra civile jugoslava. Con sé ha portato soltanto il dolore della perdita, l’estraniamento dalla sua lingua e […]
  • Furari. Sulle orme del ventoFurari. Sulle orme del vento Tadataka Inô cammina contando i suoi passi, per misurare la città di Edo e calcolare così la misura esatta di un grado sul meridiano. Curioso di tutto, “vaga sulle orme del vento” […]
  • Sabotaggio d’amoreSabotaggio d’amore Pechino, 1972-75: guerra della Banda dei Quattro nel ghetto di San Li Tan. I figli dei numerosi diplomatici stanziati nel ghetto cinese, decidono che la guerra è il modo più […]
  • Il rapimento di Lol V. SteinIl rapimento di Lol V. Stein Nessuno è ancora riuscito a decifrare Lol V. Stein: per la gente è dolore, perché abbandonata dal fidanzato durante un ballo pubblico; per l’amica d’infanzia è vuoto, assenza di […]
  • Ethan FromeEthan Frome Ethan Frome è un uomo schivo, incupito dalla sofferenza, da un incedere claudicante e una tristezza caliginosa che ricopre ogni suo gesto. Anche il suo passato è un cumulo di […]
  • Tonio KrögerTonio Kröger «Ma cos’è l’artista?» è la domanda disperata di Tonio Kröger, che fin da ragazzo ha affrontato i demoni della poesia: è colui che si lascia avvolgere dalle fredde e artificiose […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*