- A. Nothomb

Al galoppo sul mio cavallo, sfilavo fra i ventilatori.
Avevo sette anni. Niente era più piacevole che avere troppa aria nel cervello. Più la velocità fischiava, più entrava ossigeno che faceva piazza pulita.
Il mio destriero arrivò alla piazza del Gran Ventilatore, volgarmente detta piazza Tien An Mien. Prese a destra, per il viale della Bruttezza Abitabile.

(Traduzione: Biancamaria Bruno)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • LA METAMORFOSILA METAMORFOSI Una mattina Gregorio Samsa, destandosi da sogni inquieti, si trovò mutato in un insetto mostruoso. Era disteso sul dorso, duro come una corazza, e alzando un poco il capo poteva vedere il […]
  • LA MASCHERATA DELLA MORTE ROSSALA MASCHERATA DELLA MORTE ROSSA Dal gran tempo la «Morte Rossa» devastava la regione. Mai pestilenza era stata tanto fatale, o tanto atroce. Il sangue erano il suo Avatar e il suo sigillo: il rosso del sangue, il suo […]
  • CIGNI SELVATICICIGNI SELVATICI All’età di quindici anni mia nonna divenne concubina di un signore della guerra, un generale capo della polizia di un inconsistente governo nazionale cinese. Era il 1924, e la Cina era in […]
  • L’IDIOTAL’IDIOTA Verso le nove del mattino d’una giornata di sgelo, sul finir di novembre, il treno della ferrovia Pietroburgo-Varsavia si avvicinava a tutto vapore a Pietroburgo. Il tempo era così umido e […]
  • L’AMICO RITROVATOL’AMICO RITROVATO Entrò nella mia vita nel febbraio 1932 per non uscirne più. Da allora è passato più di un quarto di secolo, più di novemila giorni tediosi e senza scopo, che l’assenza della speranza ha […]
  • PASTORALE AMERICANAPASTORALE AMERICANA Lo Svedese. Negli anni della guerra, quando ero ancora alle elementari, questo era un nome magico nel nostro quartiere di Newark, anche per gli adulti della generazione successiva a quella […]
  • IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHEIL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE Un pomeriggio, di ritorno da scuola, Bruno sorprese Maria in camera sua. La loro cameriera – che stava sempre a testa bassa, con gli occhi incollati al pavimento – tirava fuori […]
  • I FRATELLI KARAMAZOVI FRATELLI KARAMAZOV Aleksèj Fëdorovič Karamazov era il terzo figlio di un possidente del nostro distretto, Fëdor Pàvlovič Karamazov, molto noto ai suoi tempi (da noi del resto, se lo ricordano ancora oggi) […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*