- P. Handke

Da quando una volta, per quasi un anno, era vissuto immaginando di aver perso il linguaggio, per lo scrittore ogni frase che scriveva e con la quale avvertiva anche la spinta alla possibile prosecuzione era diventata un avvenimento. Ogni parola che, non parlata, bensì in forma di scrittura, annunciava la prossima, gli faceva tirare un sospiro di sollievo e lo ricollegava al mondo; soltanto con questo felice annotare per lui cominciava il giorno, e poi, così comunque pensava, fino al mattino seguente poteva anche non accadergli più nulla.

(Traduzione: Giovanna Agabio)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • Il mascheraio innocenteIl mascheraio innocente Bamberto è il mascheraio più bravo di tutta la Mardavia, anzi, di tutto il mondo: le sue maschere fanno ridere, piangere e sembrano vive. Ma cosa accade se proprio una di esse lo […]
  • LE MILLE E UNA NOTTELE MILLE E UNA NOTTE Le cronache dei Sassanidi, antichi re di Persia, che avevano esteso il loro impero nelle Indie e, ben oltre il Gange, fino alla Cina, riferiscono che ci fu una volta un re di quella […]
  • IL CANTO DELLE BALENEIL CANTO DELLE BALENE Questa è la storia di come ho tradito mia moglie e non ne sono affatto pentito. Se lo merita. Non perché anche lei mi tradisca: so bene che non mi tradirà mai. Però fa qualcosa di peggio, […]
  • CANNE AL VENTOCANNE AL VENTO Tutto il giorno Efix, il servo delle dame Pintor, aveva lavorato a rinforzare l’argine primitivo da lui stesso costruito un po’ per volta a furia d’anni e di fatica, giù in fondo al […]
  • LA STRADALA STRADA Quando si svegliava in mezzo ai boschi nel buio e nel freddo della notte allungava la mano per toccare il bambino che gli dormiva accanto. Notti più buie del buio e giorni uno più grigio […]
  • LA FARISEALA FARISEA «Ragazzo, vieni qui!» Mi voltai credendo che egli si rivolgesse a uno dei miei compagni. Ma no, il vecchio zuavo pontificio chiamava, sorridendo, proprio me. La cicatrice sul suo labbro […]
  • IL SOLE NUDOIL SOLE NUDO Elijah Baley combatteva con ostinazione il panico. Era due settimane che montava. Forse anche di più. Aveva incominciato a montare fin da quando lo avevano chiamato a Washington per […]
  • L’abbraccioL’abbraccio «Non voglio che al mondo ci sia soltanto uno come me» protesta Ben con la sua mamma, che gli ha appena detto che lui è unico e speciale. «Perché no?» si stupisce lei. «Perché così […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*