Paul Valéry

I libri hanno gli stessi nemici dell’uomo: il fuoco, l’umido, le bestie, il tempo e il loro stesso contenuto.

Valéry, Paul

Categorie: Aforismi

Ti potrebbero interessare

  • Francesco Algarotti I libri nel tempo sono come i telescopi nello spazio: così gli uni come gli altri ne avvicinano gli oggetti lontani.
  • Walter MoersWalter Moers Mangiare? Sciocchezze. Lavarsi? Perdita di tempo. Solo leggere, leggere, leggere era importante. Avevo letto in piedi, avevo letto seduto, avevo letto disteso. Avevo prelevato un libro […]
  • Marguerite YourcenarMarguerite Yourcenar La parola scritta m’ha insegnato ad ascoltare la voce umana, press’a poco come gli atteggiamenti maestosi e immoti delle statue m’hanno insegnato ad apprezzare i gesti degli uomini. […]
  • Daniel Pennac Quando una persona cara ci dà un libro da leggere, la prima cosa che facciamo è cercarla fra le righe, cercare i suoi gusti, i motivi che l’hanno spinta a piazzarci quel libro in mano, i […]
  • Peter Handke Non era strano che quasi soltanto i momenti in cui scriveva potessero dilatare a tal punto il luogo in cui risiedeva? Allora ciò che era piccolo diventava grande; i nomi non contavano più; […]
  • Gianrico CarofiglioGianrico Carofiglio Mi ha sempre affascinato l’idea che le parole – cariche di significato e dunque di forza – nascondano in sé un potere diverso e superiore rispetto a quello di comunicare, trasmettere […]
  • Gilbert Keith ChestertonGilbert Keith Chesterton Le fiabe non dicono ai bambini che esistono i draghi: i bambini già sanno che esistono. Le fiabe dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti.
  • Primo LeviPrimo Levi Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre.

1 commento

1 A.MARIA P. [ 01.14.15 - 18:53 ]

beh, il libro ha anche un altro nemico: il critico letterario, quello che non legge davvero, quello scrive per lavoro, annoiato, permaloso, pieno di invidia e di rimpianti,
talmente stanco della quotidiana routine da non essere più capace di innamorarsi di una storia

Lascia un commento

*