Miroslav Krleža

Sono già diciotto milioni di anni che camminiamo sulle zampe posteriori e siamo ancora quasi tutti quadrupedi! E cosa vuol dire saper leggere e scrivere se scriviamo già da cinquantamila anni ma solo ogni cento nasce qualcuno che sa scrivere davvero, e nessuno lo legge?

Krleža, Miroslav

 

Categorie: Aforismi

Ti potrebbero interessare

  • Corrado AugiasCorrado Augias La vita contemporanea, all’apparenza così piena di luce (in tutti i sensi), contiene in realtà vaste zone d’ombra, dove solo la letteratura e le arti sono in grado di penetrare; […]
  • Andrea CamilleriAndrea Camilleri Non c’è un solo romanzo d’amore esistente al mondo che possa insegnarti ad amare. L’ars amandi non è un poema didattico. Un libro, una poesia possono aprirti a nuove idee, possono farti […]
  • Italo CalvinoItalo Calvino L’universo esprimerà se stesso fintanto che qualcuno potrà dire: “Io leggo dunque esso scrive”.
  • Susanna TamaroSusanna Tamaro Leggere, in fondo, non vuol dire altro che creare un piccolo giardino all’interno della nostra memoria. Ogni bel libro porta qualche elemento, un’aiuola, un viale, una panchina sulla quale […]
  • Galileo GalileiGalileo Galilei Ma sopra tutte le invenzioni stupende, qual eminenza di mente fu quella di colui che s’immaginò di trovar modo di comunicare i suoi più reconditi pensieri a qualsivoglia altra persona, […]
  • Italo CalvinoItalo Calvino Prendi la posizione più comoda: seduto, sdraiato, raggomitolato, coricato. Coricato sulla schiena, su un fianco, sulla pancia. In poltrona, sul divano, sulla sedia a dondolo, sulla sedia a […]
  • Daniel PennacDaniel Pennac Appena un libro finisce nelle nostre mani, è nostro, proprio come dicono i bambini: “È il mio libro” … parte integrante di me stesso. È forse questa la ragione per cui così difficilmente […]
  • Mauro CoronaMauro Corona Spesso sento boss di famosissime case editrici, che conosco e con alcuni sono anche amico, che mi dicono che bisogna creare più lettori. Ma il lettore non lo crei da adulto, lo crei da […]

1 commento

1 Antonio [ 03.19.15 - 19:02 ]

però non abbiamo imparato a leggere 50.000 anni fa – leggere è ancora oggi un’ occupazione complessa, perché obbliga il lettore a confrontarsi con sé stesso. Le parole scritte somigliano ai sassi, lasciati cadere da uno speleologo nella vertigine d’ un inghiottitoio, al fine di valutarne la profondità – producono echi inaspettati, si dilatano ad occupare impensabili spazi – chi legge sta nudo difronte a se stesso, e lo spettacolo, spesso, disgusta. Leggere e scrivere non sono soltanto puri esercizi di stile e di forma : sono sovente sanguinosi scontri dell’ uomo con sé stesso ( un personaggio che non si può sconfiggere impunemente ) Così, chi legge e chi scrive perde e vince, allo stesso tempo , e spesso, alla fine di una pagina, ha la gola secca, ed il cuore che batte troppo forte

Lascia un commento

*