- J. London

Quel tale aprì la porta per la maniglia ed entrò, seguito da un giovanotto che goffamente si tolse il berretto. Questi indossava panni grossolani che sapevano di mare, ed evidentemente non si trovava a posto in quell’atrio spazioso. Non sapeva che cosa fare col suo berretto, e stava cacciandoselo nella tasca della giacca, quando l’altro glielo tolse.

(Traduzione: Mario Benzi)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • ZANNA BIANCAZANNA BIANCA La cupa foresta di abeti si stendeva tetra su entrambe le rive del corso d’acqua gelato. Gli alberi, squassati da un improvviso vento, si erano liberati del loro manto di brina e […]
  • IL DANNOIL DANNO C’è un paesaggio interiore, una geografia dell’anima; ne cerchiamo gli elementi per tutta la vita. Chi è tanto fortunato da incontrarlo, scivola come l’acqua sopra un sasso, fino ai suoi […]
  • IL CORSARO NEROIL CORSARO NERO Una voce robusta, che aveva una specie di vibrazione metallica, s’alzò dal mare ed echeggiò fra le tenebre, lanciando queste parole minacciose: “Uomini del canotto! Alt, o vi mando a […]
  • MR. NORRIS SE NE VAMR. NORRIS SE NE VA La prima cosa che notai fu che gli occhi dello sconosciuto erano di un insolito colore azzurro chiaro. Quegli occhi incontrarono i miei, imbarazzati, per alcuni secondi, ed erano vuoti di […]
  • NIHAL DELLA TERRA DEL VENTONIHAL DELLA TERRA DEL VENTO Il sole inondava la pianura. Era un autunno particolarmente clemente: l’erba era ancora d’un verde vivido e ondeggiava contro le mura della città come un mare in bonaccia. Sul terrazzo in […]
  • CIME TEMPESTOSECIME TEMPESTOSE 1801. Sono appena rientrato dopo aver fatto visita al mio padrone di casa: l’unico vicino, un uomo solitario, che mi potrebbe infastidire. Questa regione è senza dubbio meravigliosa! Sono […]
  • FELICITÀ ®FELICITÀ ® Questo è un libro sulla fine del mondo e, in quanto tale, vi si parla di ricette dietetiche, di guru dell’autoaiuto, di forzati che strisciano nelle fogne, di redattori oberati di lavoro, […]
  • TERRE DEL FINIMONDOTERRE DEL FINIMONDO La sirena della nave squarciò come un lamento il crepuscolo che avvolgeva la città. Il capitano João Magalhães s’appoggiò alla murata e rimase a guardare il caseggiato d’antica […]

1 commento

1 Luca [ 10.13.14 - 22:44 ]

Uno dei suoi libri più belli, si legge tutto in un fiato e non lascia scampo, vi troverete a divorarlo fino all’ultima riga.

Lascia un commento

*