, Il ritorno di Filip Latinovicz

Ritorno di Filip Latinovicz, Il Dopo anni di assenza, il pittore Filip torna in Croazia dalla madre che lo aveva cacciato di casa, trovando immutato il paese e irriconoscibile la donna. Alla ricerca della vera identità del padre e travolto da un’ambigua passione amorosa, egli analizza ogni oggetto, persona e paesaggio attraverso un filtro pittorico ed esistenzialista, sprofondando sempre più dentro se stesso. Intenso.

Editore: Zandonai
Anno: 2009
Pagine: 238
Traduzione: Silvio Ferrari

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • Il cammino dell’arcoIl cammino dell’arco Stupefatto dalla maestria con l’arco del falegname Tetsuya, un ragazzo lo implora di insegnargli i segreti di questa antica disciplina. Tetsuya accetta, ma non è facile far […]
  • Lo straniero Il signor Meursault è incapace di provare emozioni: al funerale della madre non riesce a piangere, la bella Maria gli ispira mero desiderio carnale e non sa come dare conforto a […]
  • L’esca Protagonista è un ebreo serbo emigrato in Canada per fuggire alla guerra civile jugoslava. Con sé ha portato soltanto il dolore della perdita, l’estraniamento dalla sua lingua e […]
  • Romanzo 11, libro 18Romanzo 11, libro 18 Bjørn Hansen abbandona moglie e figlio, lascia l’impiego al Ministero, segue l’eccentrica amante in un’altra città, diventa esattore comunale, comincia a recitare in musical di […]
  • Il tormento delle figureIl tormento delle figure Alda Merini, la poetessa tormentata, la donna dello scandalo e della pazzia, racconta senza falso pudore le sue esperienze amorose e i numerosi amanti: prose brevissime che sono […]
  • Scritto sul corpoScritto sul corpo Leeds, Inghilterra anni ’50. Un giovanissimo Alan Bennett studia il proprio corpo adolescente alla ricerca di un indizio di pubertà, confrontandolo con quello già maturo dei […]
  • Sabotaggio d’amoreSabotaggio d’amore Pechino, 1972-75: guerra della Banda dei Quattro nel ghetto di San Li Tan. I figli dei numerosi diplomatici stanziati nel ghetto cinese, decidono che la guerra è il modo più […]
  • Il Padiglione d’oro Il giovane Mizoguchi, brutto e balbuziente, è ossessionato dall’idea della bellezza, incarnata nell’immagine perfetta del Padiglione d’oro, a Kyoto. Attorno a questo rapporto di […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*