, La macchia della razza

Macchia della razza, La Siamo davvero convinti di essere immuni dal razzismo? Non è possibile che la storia di ieri si ripeta oggi? L’intolleranza razziale non si è esaurita con gli eccidi della Seconda Guerra Mondiale ma esiste oggi più che mai nei nostri rapporti quotidiani con gli “altri”. Un libro breve ma potente che con concetti crudi e semplicissimi schiaffeggia la codarda ipocrisia del lettore. Aspro ma imprescindibile.

Editore: Ponte alle Grazie
Anno: 2009
Pagine: 87

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Categorie: saggio, Shoah, sociale

Ti potrebbero interessare

  • La fabbrica del panico Un figlio alle prese con un dolore che lo consuma nel ricordo del padre morto, assassinato dall’amianto e ancor più dal silenzio e l’affarismo dei dirigenti della fabbrica Breda. […]
  • La notteLa notte Attesa. Incoscienza. Leggerezza. Poi paura, crudeltà, orrore, speranza, dolore, rabbia, senso di colpa, indifferenza e infine più niente. Solo una lunga notte dell’anima. In un […]
  • Il deserto dei Tartari Nominato ufficiale, Giovanni Drogo viene destinato alla Fortezza Bastiani, una piazzaforte di confine costruita per difendere il paese dagli antichi nemici Tartari. In realtà, la […]
  • Che cos’è l’antisemitismo? Per Favore Rispondete. La giornalista e scrittrice Lia Levi, da anni impegnata a raccontare nelle scuole la sua esperienza di giovane ebrea nell’Italia delle leggi razziali, ha riunito in volume 20 tra […]
  • Le città invisibili Il potente Kublai Kan ascolta sempre volentieri Marco Polo quando, al ritorno dai suoi viaggi, racconta le meraviglie viste: città dagli esotici nomi di donna, costruite nelle più […]
  • Previsioni del tempoPrevisioni del tempo Un viaggio su gomma lungo mezza penisola aspetta Antonio, camionista. Con lui il famigerato Conte Piccolo, criminale senza scrupoli carico di paranoie. Il loro è un trasporto […]
  • La buona terraLa buona terra Quando il contadino Wang Lung sposa la schiava O-Lan non immagina che la sua vita sarà baciata dalla più grande fortuna e schiacciata dalla più grande miseria. In una Cina in cui […]
  • Segnali di fumo Tra gli 88 e i 90 anni Andrea Camilleri ha annotato brevi riflessioni su fatti di attualità o del passato: aneddoti, considerazioni politiche, osservazioni storiche e culturali, […]

2 commenti

1 Antonio Maria [ 03.19.14 - 15:23 ]

nel 1938 il Governo Italiano pubblicò il ” Manifesto della Razza ” ….. chiedendo a 1200 Accademici italiani di controfirmarlo – erano la crema della cultura e dell’ intelligenza italiana di allora. Soltanto 12 si rifiutarono di firmare….ciò significa che per l’ intero Corpo Accademico italiano le razze umane esistevano VERAMENTE, in stridente contrasto con quanto accertato dagli studi antropologici più seri, che già allora affermavano che LA RAZZA UMANA E’ UNA SOLA ( che discendiamo tutti da un ceppo di ominidi centro-africani che migliaia e migliaia di anni or-sono sono migrati per il mondo, a popolarlo di quei 6 miliardi di creature, quali ora siamo, TUTTE IMPARENTATE TRA DI LORO )

2 paola [ 03.21.14 - 22:29 ]

Poche pagine, penetranti, parole che riempiono il silenzio dei pensieri, parole che rimangono dentro e riecheggiano nell’intimo, facendo riflettere le nostre parti più nascoste.

Lascia un commento

*