, Sono l’ultimo a scendere e altre storie credibili

Sono l'ultimo scendere Per cinque anni Mozzi ha tenuto un diario in rete per raccontare le ordinarie stravaganze di una vita da ramingo: battibecchi con postini e poliziotti, passeggiate notturne tra i vicoli di Padova, viaggi più o meno avventurosi su ogni tipo di treno, telefonate moleste di aspiranti scrittori o insistenti venditori. Quello che rimane è un’enorme difficoltà di comunicazione tra persone, una sensazione di arrogante decadenza nelle relazioni, il tutto condito con l’ironia caustica e autoreferenziale dello scrittore smagato. Fulminante.

Editore:  Mondadori
Anno: 2009
Pagine: 265

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Ti potrebbero interessare

  • Notti in bianco, baci a colazioneNotti in bianco, baci a colazione Matteo Bussola è un fumettista che ama allegramente la compagna e le tre figlie, che usa un’ironia sfacciata per dire la sua e che da anni si racconta dalla sua pagina facebook. […]
  • È crollato il British Museum Adam Appleby è un giovane ricercatore del British Museum, cattolico, sposato con tre figli e il terrore di un quarto, ossessionato dall’impossibilità di fare sesso senza essere […]
  • L’importanza di chiamarsi ErnestoL’importanza di chiamarsi Ernesto Un ritratto cinico e sprezzante ma anche comico e affettuoso dell’alta società inglese di fine Ottocento: l’orfano Jack Worthing finge di chiamarsi Ernest per conquistare la bella […]
  • La targaLa targa La sera dell’11 giugno 1940, mentre al circolo Fascio & Famiglia di Vigata si festeggia l’entrata in guerra, compare l’antifascista Michele Ragusano. Il malanimo si diffonde […]
  • Momenti di trascurabile infelicitàMomenti di trascurabile infelicità Una raccolta di aforismi e aneddoti, racconti e confessioni delle piccole e grandi insoddisfazioni della vita: dall’infimo livello delle pubblicità in televisione al doversi alzare […]
  • Libera nos a Malo Senza apparenti nessi logici, Meneghello descrive la sua infanzia a Malo (Vicenza) raccontando aneddoti sulla gente, sui luoghi, sulle credenze, sul confuso rapporto con la […]
  • La lunga notte del dottor Galvan Il vecchio Galvan racconta, ad uno sconosciuto, di una notte di plenilunio di vent’anni prima quando, ancora giovane dottore, di turno in pronto soccorso, si era trovato alle prese […]
  • Gli sdraiatiGli sdraiati Gli sdraiati sono quella parte di umanità che dorme di giorno e veglia la notte, che riesce a chattare con gli amici mentre guarda la tv, ascolta la musica, studia chimica e […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*