- D. Albahari

«Da dove devo cominciare» dice mia madre. Nello stesso istante allungo la mano e premo il pulsante sul magnetofono. Il magnetofono è vecchio. Per giorni interi ho girato i negozi a chiedere di un apparecchio così, non importa di che marca. I commessi erano gentili, sorridevano, si stringevano nelle spalle, mi mostravano i modelli più recenti di registratori. Uno di loro, in un centro commerciale nella zona nord della città, ha ammesso di non aver mai visto un magnetofono.

(Traduzione: Alice Parmeggiani)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • DIARIO 1941-1943DIARIO 1941-1943 Domenica 9 marzo. Avanti, allora! È un momento penoso, quasi insormontabile: devo affidare il mio animo represso a uno stupido foglio di carta a righe. I pensieri sono spesso così chiari e […]
  • SENILITÀSENILITÀ Subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria. Parlò cioè a un dipresso così: «T’amo molto e per il tuo bene […]
  • I PIRATI DELLA MALESIAI PIRATI DELLA MALESIA «Mastro Bill, dove siamo?» «In piena Malesia, mio caro Kammamuri.» «Ci vorrà molto tempo, prima di arrivare a destinazione?» «Birbone, ti annoi forse?» «Annoiarmi no, ma ho molta […]
  • IL DIARIO DI ANNA FRANKIL DIARIO DI ANNA FRANK Domenica, 14 giugno 1942 Venerdì 12 giugno ero già sveglia alle sei: si capisce, era il mio compleanno! Ma alle sei non mi era consentito d’alzarmi, e così dovetti frenare la mia […]
  • CIGNI SELVATICICIGNI SELVATICI All’età di quindici anni mia nonna divenne concubina di un signore della guerra, un generale capo della polizia di un inconsistente governo nazionale cinese. Era il 1924, e la Cina era in […]
  • IL CANTO DELLE BALENEIL CANTO DELLE BALENE Questa è la storia di come ho tradito mia moglie e non ne sono affatto pentito. Se lo merita. Non perché anche lei mi tradisca: so bene che non mi tradirà mai. Però fa qualcosa di peggio, […]
  • UNO, NESSUNO E CENTOMILAUNO, NESSUNO E CENTOMILA «Che fai?» mia moglie mi domandò, vedendomi insolitamente indugiare davanti allo specchio. «Niente,» le risposi, «mi guardo qua, dentro il naso, in questa narice. Premendo avverto un […]
  • LA DAMA E L’UNICORNOLA DAMA E L’UNICORNO Il messo ha voluto che andassi subito con lui. Jean Le Viste è così: pretende che tutti facciano come dice, immediatamente. E io l’ho fatto. Ho seguito il valletto, trattenendomi solo un […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*