- R. L. Stevenson

Un pomeriggio di primavera ormai inoltrata, la campana del castello di Moat-House a Tunstall suonò a un’ora insolita. Vicino e lontano, nella foresta e per la campagna lungo il fiume, la gente incominciò ad abbandonare i lavori, per affrettarsi verso il richiamo; e nella piazza del borgo di Tunstall si vedeva già un gruppo di poveri contadini stupiti dallo strano appello.

(Traduzione: non indicato)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • RADICIRADICI Era l’inizio della primavera dell’anno 1750 quando nacque il primo figlio a Omoro e Binta Kinte, nel villaggio di Juffure, a quattro giorni di viaggio dalla costa risalendo il fiume […]
  • BLITHEDALEBLITHEDALE La sera prima di partire per Valgioiosa, me ne tornavo al mio quartierino di scapolo, dopo aver assistito ad una meravigliosa esibizione della Dama Velata, quando un uomo già avanti negli […]
  • BALZAC E LA PICCOLA SARTA CINESEBALZAC E LA PICCOLA SARTA CINESE Il capo del villaggio, un uomo sui cinquant’anni, era seduto a gambe incrociate al centro della stanza, accanto a un focolare scavato nel terreno in cui bruciava del carbone, e stava […]
  • QUADERNI DI SERAFINO GUBBIO OPERATOREQUADERNI DI SERAFINO GUBBIO OPERATORE Studio la gente nelle sue più straordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch’io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno. In […]
  • L’ISOLA DEGLI ANIMALIL’ISOLA DEGLI ANIMALI Era stato un inverno molto rigido e, persino quando la primavera avrebbe dovuto avere il sopravvento, i crochi – che senza dubbio possedevano una fede commovente e incrollabile nelle […]
  • SABOTAGGIO D’AMORESABOTAGGIO D’AMORE Al galoppo sul mio cavallo, sfilavo fra i ventilatori. Avevo sette anni. Niente era più piacevole che avere troppa aria nel cervello. Più la velocità fischiava, più entrava ossigeno che […]
  • LA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORELA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE Una sera di primavera dell’anno 1934 un signore di età matura scese gli scalini di pietra che da uno dei ponti della Senna conducono alle rive del fiume. Là sono soliti dormire, o meglio […]
  • IL SENTIERO DEI NIDI DI RAGNOIL SENTIERO DEI NIDI DI RAGNO Per arrivare fino in fondo al vicolo, i raggi del sole devono scendere dritti rasente le pareti fredde, tenute discoste a forza d’arcate che traversano la striscia di cielo azzurro […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*