, La favola della vita vera

Favola della vita vera, La

Da quattordici anni Tati Cohen vive un’esistenza reclusa a causa di una malattia del sistema immunitario. All’improvviso, a ventidue anni, la malattia scompare e il mondo si spalanca nuovo e immenso davanti a lui. Il conflitto con la madre iperprotettiva e un invito inaspettato saranno la molla che gli permetterà di vivere la sua “favola”. Un racconto scialbo e talora raffazzonato malgrado la potenzialità della tematica, una scrittura scolastica e un finale insensato. Insipido.

Editore: Corriere della Sera
Anno: 2007
Pagine: 92

— Attenzione! L’edizione citata non rappresenta né un consiglio né una segnalazione. È semplicemente l’edizione su cui ci si è basati per redigere la presente recensione. —

Categorie: formazione, racconto

Ti potrebbero interessare

  • Palazzo Sogliano Il capo di una delle più importanti famiglie di corallari di Torre del Greco muore improvvisamente lasciando madre, moglie e figli, ma soprattutto un’attività e una reputazione che […]
  • L’ultimo libro L’ispettore Lukić si trova ad investigare su una serie di decessi inspiegabili: le vittime muoiono improvvisamente mentre leggono un misterioso ed introvabile libro. Una scrittura […]
  • Marmellata di prugneMarmellata di prugne Lyudmila, “bambina di Chernobyl”, nata e cresciuta in un piccolo villaggio quasi abbandonato che è tutto il suo mondo, approda in Italia per una vacanza terapeutica. Italia: un […]
  • Balkan Circus Un professore innamorato della cultura dell’Europa dell’est racconta i suoi viaggi dal Friuli ai Balcani, alla Repubblica Ceca, alla Russia per riportare tradizioni, modi di […]
  • Lasciami andare, madreLasciami andare, madre L’infanzia di una bambina tedesca nella Germania di Hitler, nella Berlino bombardata e affamata è già abbastanza difficile senza sapere che la propria madre ha volontariamente […]
  • Storie del bosco anticoStorie del bosco antico Il mondo non è sempre stato come lo vediamo oggi: un tempo, quando il bosco era antico, il corvo era bianco, il ghiro era insonne, la lumaca era un venditore ambulante e l’uomo fu […]
  • Il superstite Lucky è un grosso cane fortunato: vive con il suo adorato padrone in riva al mare, ama la compagnia dei bagnanti e ogni giorno è un divertimento. Poi, all’improvviso, uomini e […]
  • Per amore, solo per amorePer amore, solo per amore Giuseppe è bellissimo, amante del sesso e del lavoro paziente sul legno. Ammirato e desiderato, si lascia cullare da sorrisi ammiccanti, caviglie intraviste, seni accennati, occhi […]

1 commento

1 Marta [ 10.27.15 - 12:47 ]

invece è bello, è bello … a me è piaciuto..

Lascia un commento

*