- D. Smith

Non molto tempo fa viveva a Londra una giovane coppia di cani dalmata, Pongo e Missis. Pongo e Missis avevano la fortuna di “possedere” una giovane coppia di sposini, il signore e la signora Dearly, gentili, obbedienti e insolitamente intelligenti, a volte in maniera quasi “canina”. Avevano una conoscenza più che discreta del linguaggio dei cani: capivano perfettamente l’abbaio per dire “fuori, per favore!”, e il “dentro, per favore!” e il “forza con la mia cena!”, e il “che ne dite di una passeggiata?”.

(Traduzione: Antonella Bagoi)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • IL FIGLIO DEL DIO DEL TUONOIL FIGLIO DEL DIO DEL TUONO Il cielo dei Finnici è un immenso coperchio trapunto di stelle, posato sul perno del mondo, con la stella polare allo zenit. Là regnano i loro dèi e gli spiriti, là abitano i Finnici buoni […]
  • TI RACCONTERÒ TUTTE LE STORIE CHE POTRÒTI RACCONTERÒ TUTTE LE STORIE CHE POTRÒ Tante vite ho vissuto. Prima e dopo Paolo Borsellino, mio marito, il padre dei miei figli. Me l’hanno portato via una domenica di luglio di vent’anni fa, ma è come se fosse ieri. Lo sento […]
  • UOMINI E NOUOMINI E NO L’inverno del ’44 è stato a Milano il più mite che si sia avuto da un quarto di secolo; nebbia quasi mai, neve mai, pioggia non più da novembre, e non una nuvola per mesi; tutto il giorno […]
  • La cena degli addiiLa cena degli addii Il cibo crea legami, si fa collante o addirittura cardine delle relazioni. La soddisfazione di preparare piatti ben equilibrati, il piacere di gustarli con la persona amata, la […]
  • LA SIGNORA DALLOWAYLA SIGNORA DALLOWAY La signora Dalloway disse che i fiori li avrebbe comperati lei. Lucy ne aveva finché ne voleva, di lavoro. C’era da levare le porte dai cardini; e per questo dovevano venire gli uomini di […]
  • IL CANTO DELLE BALENEIL CANTO DELLE BALENE Questa è la storia di come ho tradito mia moglie e non ne sono affatto pentito. Se lo merita. Non perché anche lei mi tradisca: so bene che non mi tradirà mai. Però fa qualcosa di peggio, […]
  • SHALIMAR IL CLOWNSHALIMAR IL CLOWN A ventiquattro anni la figlia dell’ambasciatore dormiva male, in quelle notti calde e senza sorprese. Si svegliava spesso, e anche quando il sonno arrivava, di rado il suo corpo era […]
  • DIARIO 1941-1943DIARIO 1941-1943 Domenica 9 marzo. Avanti, allora! È un momento penoso, quasi insormontabile: devo affidare il mio animo represso a uno stupido foglio di carta a righe. I pensieri sono spesso così chiari e […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*