- E. Brizzi

presto sarebbe volato via pure quello stupido febbraio e il vecchio Alex si sentiva profondamente infelice ma in modo distaccato come se la sua vita appartenesse – sensazione fin troppo tipica e cruda ne convengo – a qualcun altro
ma non ghignate, per favore, poiché all’epoca il vecchio Alex non aveva ancora compiuto diciott’anni e in quei giorni il cielo di Bologna era espressivo come un blocco di ghisa sorda e da simili espressività non avreste potuto aspettarvi nulla d’esaltante

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • UOMINI E NOUOMINI E NO L’inverno del ’44 è stato a Milano il più mite che si sia avuto da un quarto di secolo; nebbia quasi mai, neve mai, pioggia non più da novembre, e non una nuvola per mesi; tutto il giorno […]
  • CREATURA DI SABBIACREATURA DI SABBIA Quel volto era reso più lungo da alcune rughe verticali, profonde come cicatrici, scavate da insonnie ostinate e abituali, un volto mal rasato, lavorato dal tempo. La vita – ma quale vita? […]
  • LA GITA A TINDARILA GITA A TINDARI Che fosse vigilante, se ne faceva capace dal fatto che la testa gli funzionava secondo logica e non seguendo l’assurdo labirinto del sogno, che sentiva il regolare sciabordìo del mare, che […]
  • ORGOGLIO E PREGIUDIZIOORGOGLIO E PREGIUDIZIO È verità universalmente riconosciuta che uno scapolo largamente provvisto di beni di fortuna debba sentire il bisogno di ammogliarsi. Per quanto poco si conoscano, di costui, i sentimenti […]
  • VIAGGIO IN PARADISOVIAGGIO IN PARADISO Stavo morendo, e lo sapevo. Respiravo con difficoltà a lunghi intervalli, e tutti erano intorno al letto, immobili, silenziosi, attendendo che me ne andassi. Di tanto in tanto parlavano; […]
  • ALCATRAZALCATRAZ 228 giorni all’esecuzione Jack Folla, il D. J. nel braccio della morte. Dici che è assurdo? No, fratello, la cosa assurda non è che sono un italiano nel braccio della morte di un carcere […]
  • MR. NORRIS SE NE VAMR. NORRIS SE NE VA La prima cosa che notai fu che gli occhi dello sconosciuto erano di un insolito colore azzurro chiaro. Quegli occhi incontrarono i miei, imbarazzati, per alcuni secondi, ed erano vuoti di […]
  • I COMPAGNI SCONOSCIUTII COMPAGNI SCONOSCIUTI Dal letto, sentivo la signora Kuhnl che parlava con la gallina, nella stanza accanto. – Ruhig, ruhig, – diceva. – Stai calma. – Ruhig, rughig – . Non era che questa gallina fosse […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*