Italo Calvino

Non resta che inventarci ognuno una biblioteca ideale dei nostri classici; e direi che essa dovrebbe comprendere per metà libri che abbiamo letto e che hanno contato per noi, e per metà libri che ci proponiamo di leggere e presupponiamo possano contare. Lasciando una sezione per le sorprese, le scoperte occasionali.

Calvino, Italo

Categorie: Aforismi

Ti potrebbero interessare

  • Joseph Conrad Si scrive soltanto una metà del libro, dell’altra metà si deve occupare il lettore.
  • Italo CalvinoItalo Calvino Prendi la posizione più comoda: seduto, sdraiato, raggomitolato, coricato. Coricato sulla schiena, su un fianco, sulla pancia. In poltrona, sul divano, sulla sedia a dondolo, sulla sedia a […]
  • Daniel Pennac Quando una persona cara ci dà un libro da leggere, la prima cosa che facciamo è cercarla fra le righe, cercare i suoi gusti, i motivi che l’hanno spinta a piazzarci quel libro in mano, i […]
  • Peter Handke Non era strano che quasi soltanto i momenti in cui scriveva potessero dilatare a tal punto il luogo in cui risiedeva? Allora ciò che era piccolo diventava grande; i nomi non contavano più; […]
  • Ursula K. Le GuinUrsula K. Le Guin Tutti ti dicono che non puoi, e così finisce che ci credi. È stato così in letteratura, finché non ci fu un numero sufficiente di donne che smisero di crederci e scrissero un numero […]
  • Daniel PennacDaniel Pennac Appena un libro finisce nelle nostre mani, è nostro, proprio come dicono i bambini: “È il mio libro” … parte integrante di me stesso. È forse questa la ragione per cui così difficilmente […]
  • Jorge Luis BorgesJorge Luis Borges Questo è il mio postulato: tutta la letteratura è autobiografica, alla fine. Tutto è poetico, in quanto ci confessa un destino, in quanto ce lo fa intravedere. […] Faccio presente che non […]
  • Yu HuaYu Hua Quando leggiamo, ridiamo, piangiamo, lasciamo uscire tutte le emozioni che di solito conteniamo. Quindi leggere, in un certo senso, ci libera.

1 commento

1 A.MARIA P. [ 07.15.14 - 18:07 ]

e poi c’è un piccolo scaffale, prezioso e intimo, che è quello dei libri che avremmo tanto desiderato d’aver ” scritto noi ” –
stanno là, chiamano ogni giorno con la voce dell’ autore, che somiglia tanto alla nostra, pronti a rispondere con pazienza a tutte le nostre solite domande – sono i nostri maestri, i nostri fratelli, i nostri più acerrimi nemici.

Lascia un commento

*