- F. Kafka

Qualcuno doveva aver calunniato Josef K., perché senza che avesse fatto niente di male, una mattina fu arrestato. La cuoca della signora Grubach, sua affittacamere, che ogni giorno verso le otto gli portava la colazione, questa volta non venne. Non era mai accaduto. K. aspettò ancora un poco, dal suo guanciale vide la vecchia dirimpettaia che lo osservava con una curiosità in lei del tutto inusuale, quindi, contrariato e affamato nello stesso tempo, suonò il campanello.

(Traduzione: Anita Raja)

Categorie: Incipitando

Ti potrebbero interessare

  • LE MILLE E UNA NOTTELE MILLE E UNA NOTTE Le cronache dei Sassanidi, antichi re di Persia, che avevano esteso il loro impero nelle Indie e, ben oltre il Gange, fino alla Cina, riferiscono che ci fu una volta un re di quella […]
  • L’AMMAZZATOIOL’AMMAZZATOIO Gervaise aveva aspettato alla finestra Lantier fino alle due del mattino. Poi, tremante di freddo, per essere rimasta, in camicia, esposta all’aria della notte, si era assopita, buttata di […]
  • IL FU MATTIA PASCALIL FU MATTIA PASCAL Una delle poche cose, anzi forse la sola ch’io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal. E me ne approfittavo. Ogni qual volta qualcuno de’ miei amici o conoscenti […]
  • IL SERGENTE NELLA NEVEIL SERGENTE NELLA NEVE Ho ancora nel naso l’odore che faceva il grasso sul fucile mitragliatore arroventato. Ho ancora nelle orecchie e sin dentro il cervello il rumore della neve che crocchiava sotto le scarpe, […]
  • LA FARISEALA FARISEA «Ragazzo, vieni qui!» Mi voltai credendo che egli si rivolgesse a uno dei miei compagni. Ma no, il vecchio zuavo pontificio chiamava, sorridendo, proprio me. La cicatrice sul suo labbro […]
  • UNA NOTTE IN CUI LA LUNA NON È SORTAUNA NOTTE IN CUI LA LUNA NON È SORTA Chiamiamolo pure reliquia mutilata, quel brandello di tessuto sacro scritto in una lingua ormai scomparsa su un rotolo di seta che, vittima di una violenta crisi di follia, fu strappato in […]
  • LA BIBBIALA BIBBIA In principio Dio creò il cielo e la terra. Ma la terra era deserta e disadorna e v’era tenebra sulla superficie dell’oceano e lo spirito di Dio era sulla superficie delle acque. Dio […]
  • POMERIGGIO DI UNO SCRITTOREPOMERIGGIO DI UNO SCRITTORE Da quando una volta, per quasi un anno, era vissuto immaginando di aver perso il linguaggio, per lo scrittore ogni frase che scriveva e con la quale avvertiva anche la spinta alla […]

0 commenti

Non ci sono ancora commenti...

Per inserire un commento usa il form qui sotto.

Lascia un commento

*